La bomba arriva il giorno prima dell’inizio delle prove del GP di Le Mans, durante la conferenza stampa di presentazione della gara. Casey Stoner, 26 anni, annuncia: “Mi ritirerò alla fine della stagione, questa non è la MotoGP di cui sono innamorato”. Un fulmine a ciel sereno per il campione australiano, già vincitore di due campionati nella classe regina, che quest’anno era partito ancora più spedito del solito: due vittorie su tre gare, in circuiti che non ama nemmeno particolarmente, e testa della classifica con 1 punto di vantaggio su Lorenzo e 14 su Pedrosa, i rivali più accreditati. Nessuno tra gli addetti ai lavori riesce a darsi una spiegazione. Unico indizio, da pochi mesi è padre della splendida Alessandra: nata tra l’altro il 16 febbraio, lo stesso giorno di Valentino.

E proprio Valentino, incredulo, è stato tra i primi a commentare la decisione dell’amico-nemico: “Non è bello per la MotoGP. Perdiamo un grande rivale e un grande pilota”. Così anche il suo attuale rivale Jorge Lorenzo: “Il ritiro di Casey non farà bene alla MotoGP”. Ma un figlio ti cambia la vita. Voci e indiscrezioni giravano già da tempo nell’ambiente: Casey era stanco di correre, la vita in Svizzera, a diverse ore di fuso orario e migliaia di chilometri di distanza dall’Australia, non gli è mai andata a genio. Ma nessuno si aspettava un addio così repentino. Già nel 2009, mentre era alla Ducati con Hayden, verso la fine del campionato Stoner diede l’addio alle corse, per una misteriosa malattia: si parlò di depressione. Gli fu diagnosticata invece un’anemia, diagnosi che lui contestò.

Rientrò l’anno seguente ma da allora, se in pista ha continuato a dare il massimo, fuori si è rotto qualcosa. A questo vanno aggiunti diversi i problemi fisici, Casey ha praticamente i tendini della mano distrutti. Infine la paternità. E la decisione, a soli 26 anni, nel pieno della carriera e di quella che nello sport viene chiamata ‘maturità agonistica‘, la decisione di lasciare. La sua scuderia, la Honda HRC, cinguetta sulla propria pagina Twitter: “Casey ha appena annunciato che il 2012 sarà il suo ultimo anno nel Motomondiale. Speriamo sia un anno fantastico”. Dentro e soprattutto fuori dalla pista a questo punto.

A pochi mesi dall’annuncio del ritiro di Rossi, sebbene il campione di Tavullia l’abbia posizionato nel 2014, un altro dei grandi annuncia l’addio, questa volta con effetto immediato: tra pochi mesi, quando compirà 27 anni. Un brutto colpo per la MotoGP. Ma Casey ha preso la sua decisione: “Sono due anni che pensavo a questo. Ho parlato molto con la mia famiglia e alla fine ho deciso di ritirarmi alla fine della stagione 2012. Nel 2013 non correrò più – ha spiegato nel corso della conferenza stampa – Ci sono molte cose di quest’ambiente che non sono compatibili con me e che non mi piacciono, anche se ho passato molti momenti bellissimi e indimenticabili. Ma questa è la mia decisione finale”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Altri due anni con Ducati, poi mi diverto”
Valentino Rossi annuncia il ritiro

next
Articolo Successivo

Andrea Antonelli morto in incidente al gp di Mosca. Melandri: ‘Troppa pioggia’

next