Per capire la “bravura” di Valter Lavitola nell’escogitare stratagemmi per gonfiare i dati di diffusione dell’Avanti! e succhiare contributi di milioni di euro allo Stato, bisogna partire da una norma. E’ quella relativa al raggiungimento di un numero di copie vendute pari almeno al 25% di quelle stampate. Più ne stampi, più fondi ottieni. Purché il parametro del 25% sia rispettato. E come faceva Lavitola? Lo racconta a verbale il 25 aprile scorso, di fronte al gip di Napoli Dario Gallo e ai pm Curcio, Woodcock e Piscitelli: contattando politici “dell’anima socialista di Forza Italia” e chiedendo loro di andare a comprare decine di copie del quotidiano nella piazza dove veniva inviato un apposito strillone. E quando una modifica del regolamento per l’erogazione dei finanziamenti ha imposto che il 25% dovesse essere raggiunto solo in edicola o tramite abbonamento, mettendo fuori gioco lo strillonaggio e le vendite in blocco, Lavitola ha iniziato a organizzarsi diversamente: “Ho cercato di fare in modo che, con soldi miei, mandassi in giro a comprarsi le copie nelle edicole… poi dopo (rivolto ai magistrati, ndr) siete intervenuti voi…”.

Non sia mai l’Avanti! fosse stato costretto a chiudere per conclamata mancanza di lettori e di pubblicità. “Era l’unico strumento che io avevo per fare politica – ricorda il faccendiere salernitano – e nonostante il rapporto privilegiato col presidente Berlusconi, io non ero mai riuscito nemmeno a fare il consigliere circoscrizionale ad Afragola”.

Quindi, via a un marketing rudimentale: “Che io fossi amico di Berlusconi lo sapevano tutti, che l’Avanti! fosse il mio lo sapevano tutti, quindi mandare qualcuno davanti a una sezione o a un consiglio comunale e dire: il giornale dei socialisti di Forza Italia… se lo compravano. Io poi come giornalista non avevo difficoltà ad andare nel Transatlantico a contattare la gente e a dire: fai dieci telefonate che domanì lì davanti si comprano il giornale… e abbiamo fatto anche vendite a prezzo ridotto… se io telefono a Bari all’amico consigliere regionale e gli dico: senti, c’è lo strillone a piazza là, vatti a comprare tutte le copie…”.

Così una legge nata in nome del pluralismo dell’informazione viene sostanzialmente aggirata attraverso trucchi e trucchetti che hanno l’unico scopo di pompare artificialmente le vendite del giornale. “Io ho provato all’inizio a fare la cosa degli abbonamenti – spiega Lavitola – ma mi sono reso conto che per farne tremila, che era il mio obiettivo, ci sarebbe voluto più di un anno, perché avrei dovuto trovare cento persone… e quando mi sono reso conto che perdevo il finanziamento pubblico, ho cercato di fare in modo che con soldi miei mandassi in giro persone a comprarsi le copie nelle edicole per raggiungere il 25%…”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Come spezzare i legami mafia-politica

next
Articolo Successivo

Archiviazione per il generale Subranni, accusato di aver “tradito” Borsellino

next