Arriva la condanna per l’assassinio del tassista milanese Luca Massari, massacrato di botte perchè aveva investito un cane nel 2010. I giudici della prima corte d’Assise di Milano hanno condannato a 14 anni di reclusione Pietro Citterio che doveva rispondere di omicidio volontario con l’attenuante di concorso anomalo (non voleva uccidere). La sorella Stefania., non dovrà scontare i dieci mesi di carcere per minaccia aggravata, perché ha già scontato la pena. In precedenza l’accusa anche per lei era di omicidio volontario. Moris Ciavarella, invece, che prese parte attiva al pestaggio è stato già giudicato e condannato a 16 anni con il rito abbreviato. A un altro imputato, infine,  Davide Lagrada, sono stati inflitti sei mesi di carcere per favoreggiamento.

Il pm Tiziana Siciliano, titolare delle indagini, ha espresso soddisfazione, riconoscendo “lo straordinario equilibrio manifestato dal Tribunale in un processo molto difficile”. Per i due imputati l’accusa aveva chiesto rispettivamente condanne a 23 e 21 anni.

L’omicidio è avvenuto il 10 ottobre del 2010. Luca Massari  scese dal taxi per scusarsi di aver involontariamente investito un cane. I due fratelli Citterio in compagnia di Ciavarella reagirono male, passando dagli insulti alle percosse. Per ricostruire quanto avvenuto gli inquirenti non hanno avuto vita facile: le intimidazioni dei testi sono state diverse. Tanto che il pm non ha potuto fare a meno di ricordare l’enorme difficoltà nella ricostruzione dei fatti e all’omertà che ha come avvolto l’omicidio per giorni.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Si uccide al Santuario di Pompei: aveva ricevuto le cartelle da Equitalia

prev
Articolo Successivo

Bari, l’ultima beffa di Punta Perotti: risarcimento di 50 milioni ai costruttori

next