Il presidente di Eni Paolo Scaroni

“Contrazione della domanda di prodotti petroliferi e del surplus di capacità di raffinazione”. A fronte della crisi del mercato, Eni ha deciso di chiudere per 12 mesi una parte della raffineria di Gela, in Sicilia. Un provvedimento che interesserà 500 dipendenti, solo una parte dei lavoratori dell’impianto. Lo ha comunicato il gruppo al termine di un incontro con i sindacati, spiegando che il quadro“continua ad essere preoccupante”, con un “crollo dei margini”.

L’obiettivo è quello “di ridurre gli impatti negativi del conto economico della raffinazione. La fermata – precisa l’azienda – sarà parziale e riguarderà i cicli di produzione a minore redditività, destinati alla raffinazione di greggi esteri e residui, mentre verranno mantenute le lavorazioni dei greggi nazionali e delle cariche circuitali”. A seguito dello stop il riavvio degli impianti è fissato ad aprile 2013. I dipendenti interessati da questo provvedimento non saranno la totalità ma circa 500.

Eni ha inoltre confermato “l’applicazione delle garanzie per i lavoratori previste nell’accordo, sottoscritto il 26 maggio 2011, per lo sviluppo, la competitività e le relazioni industriali. Eni ha proposto di continuare il confronto con le rappresentanze sindacali per definire tutti gli aspetti legati alla fermata e alla messa in conservazione degli impianti”. A differenza di Gela, la raffineria Eni di Porto Marghera, a Venezia, riprenderà la normale attività il prossimo 2 maggio “come da impegni sottoscritti dopo la fermata temporanea”. Lo stop, iniziato a novembre scorso, è durato sei mesi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La riforma Fornero
e i giovani tagliati fuori

prev
Articolo Successivo

Lavoro: 3 milioni di inattivi, record dal 2004 Aumentano quelli che rinunciano a cercarlo

next