Da Partite & partiti: giornata di lutto nel calcio per la morte a soli 25 del giocatore del Livorno Piermario Morosini. Bene ha fatto la Federcalcio ad abbassare la saracinesca del campionato: non disputare le partite ha ricordato ai tifosi e agli italiani che non viene prima il campionato e poi la vita, ma casomai il contrario. Lo ha detto anche il fuoriclasse dell’Udinese, Antonio Di Natale: “Si gioca troppo, così non ce la facciamo”. Questo è il nocciolo: i giocatori non sono statuine di un presepe. Deve succedere un dramma del genere per far capire che non si può andare avanti così? Anche per il calcio, come per l’economia, varrebbe la pena di applicare la teoria della decrescita di Oliviero Beha

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Calcio, lo scandalo Lega Nord ha travolto anche la “nazionale” della Padania

next
Articolo Successivo

Morte Morosini, stadio di Livorno gremito per l’ultimo saluto al giocatore

next