Il ministro dello Sviluppo Economico, Corrado Passera, commenta le preoccupazioni espresse dal presidente Giorgio Napolitano sui mercati finanziari: “Siamo ancora in un momento di Europa in difficoltà, molto fortunatamente l’Italia arriva in questa situazione molto più preparata ed organizzata di quanto non sia stata alcuni mesi fà. Dobbiamo accelerare – continua a margine di un convegno all’auditorium di Roma – tutto ciò che può spingere la crescita, le riforme, ma anche gli interventi, ciò che è progetti e cantieri”. A chi gli chiede se l’andamento dei mercati sia l’effetto dell’annacquamento della riforma del lavoro, Passera replica: “No, le due cose fondamentali si chiamano Germania e Spagna, si sono aggiunti dati americani e cinesi non buoni, che però di per sé non avrebbero cambiato l’umore. Dobbiamo garantire che l’Europa faccia la scelta di garantire se stessa” di Manolo Lanaro

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Raccontiamo la crisi
del Nordest

prev
Articolo Successivo

Cirisi, la borsa rimbalza ma l’effetto Bce sui titoli si è ormai concluso

next