La storica associazione di Bologna Amici di Piazza grande, che da anni si occupa di assistenza ai senzatetto, finisce nel mirino dei ladri. Nella notte tra il 4 il 5 aprile, una persona ancora senza identità, forzando la serratura, è entrata nella loro sede in via Corazza, nella periferia della città, e ha portato via un computer portatile e la cassaforte della vicina società Casabase Srl. E non solo. Sparita anche l’automobile usata dai volontari per distribuire cibo, bevande calde e coperte a chi vive in strada. Un servizio essenziale, soprattutto nei rigidi inverni bolognesi.

A comunicarlo è stata la stessa associazione con una nota. “Una persona non identificata è penetrata negli uffici dell’associazione, forzando le serrature ed è fuggita rubando l’automobile dell’associazione”. Una Polo Volkswagen con cui, tre notti a settimana, gli operatori e i volontari dell’associazione uscivano per dare assistenza ai senzadimora. Distribuendo coperte, cibo e bevande calde, e non solo. Un’attività essenziale e insieme un’occasione per fermarsi a parlare con chi non ha una casa e conoscere le difficoltà della vita in strada. Il furto della Polo non rappresenta quindi solo un danno materiale ed economico: “Quel mezzo era indispensabile per l’attività del servizio mobile, che da anni è un’attività importante per offrire un sostegno concreto ai senza dimora di Bologna”. Malgrado i ladri, per ora dall’associazione assicurano che il giro serale non sarà sospeso, ma sarà effettuato con le stesse modalità e gli stessi orari di sempre.

Presente da oltre quindici anni, a Bologna Piazza grande è una delle realtà più attive nella lotta all’esclusione sociale e più impegnate nel dare voce agli invisibili. Diverse le iniziative messe in piedi negli ultimi anni, tra cui la produzione di un giornale di strada, un laboratorio teatrale e un’officina di vendita e riparazione di biciclette. Attivo da 12 anni anche Avvocato di strada, il primo e unico esempio italiano di tutela legale gratuita e professionale a sostegno delle persone senza dimora. Ogni anno, con le loro uscite notturne, i volontari di Piazza grande distribuiscono oltre 5mila chili di cibo e mille litri di thé e bevande calde.

gz

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Comunione rifiutata al bambino disabile. Don Gallo: “E’ una sconfitta della Chiesa”

next
Articolo Successivo

Demolite le antenne di Guglielmo Marconi per far spazio all’industria di patatine

next