Mona Eltahawi egiziana di origine, lasciò l’Egitto nel 2000 per andare negli Stati Uniti, a causa delle sue posizoni critiche nei confronti di Mubarak. Ha ottenuto la cittadinanza statunitense ed è un’editorialista e analista politica dei più grandi giornali americani, come il Washington Post e il New York Times. Il 24 novembre 2011 si trovava nei pressi di piazza Tahrir al Cairo, dove è stata arrestata. La polizia le spezzò le mani e abusò sessualmente di lei, nelle 12 ore di detenzione.Il suo rilascio è dovuto a un tweet che è riuscita a inviare dalla prigione. Nel giro di 15 minuti dall’invio l’hashtag #FreeMona è schizzato in vetta alle classifiche di twitter in tutto il mondo, creando un movimento dei medi di Cosimo Caridi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il capitalismo irresponsabile è fallito

prev
Articolo Successivo

Tolosa, campo minato delle presidenziali

next