Mona Eltahawi egiziana di origine, lasciò l’Egitto nel 2000 per andare negli Stati Uniti, a causa delle sue posizoni critiche nei confronti di Mubarak. Ha ottenuto la cittadinanza statunitense ed è un’editorialista e analista politica dei più grandi giornali americani, come il Washington Post e il New York Times. Il 24 novembre 2011 si trovava nei pressi di piazza Tahrir al Cairo, dove è stata arrestata. La polizia le spezzò le mani e abusò sessualmente di lei, nelle 12 ore di detenzione.Il suo rilascio è dovuto a un tweet che è riuscita a inviare dalla prigione. Nel giro di 15 minuti dall’invio l’hashtag #FreeMona è schizzato in vetta alle classifiche di twitter in tutto il mondo, creando un movimento dei medi di Cosimo Caridi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il capitalismo irresponsabile è fallito

next
Articolo Successivo

Italiani rapiti in India, la richiesta dei rapitori: 5 militari maoisti liberi in cambio di un ostaggio

next