Alla vigilia della manifestazione della Fiom, per la videorubrica di vox populi “Uomo da marciapiede”, Piero Ricca ha rivolto la provocazione a studenti e passanti davanti all’Università Statale di Milano.
Chi risponde, in gran parte esprime un profondo disagio verso un sistema che – in nome della competizione globale – s’è portato via la dignità del lavoro e non offre alternative alla precarietà. Il rischio di disoccupazione è sempre più concreto anche per i laureati. Chi lavora, difficilmente riesce a rendersi indipendente. Chi non ha santi in paradiso teme di non trovare una collocazione soddisfacente. Molti studenti prevedono di trasferirsi all’estero.
Ma ci sono anche coloro che sostengono la “linea Marchionne”, condividono le proposte di Pietro Ichino, pensano che irrigidirsi nella difesa dei diritti dei lavoratori non giovi alle aspirazioni dei giovani e attendono con fiducia le riforme annunciate dal governo, in tema di art. 18 e correttivi alla flessibilità.
Insomma: lo sconforto prevale, ma il dibattito è aperto.

Partecipa anche tu al nostro sondaggio, votando la risposta che ti convince di più.

Riprese e montaggio di Franz Baraggino



Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Corteo Fiom, Landini alla Cgil: “Risposte o sciopero generale. E l’articolo 18 non si tocca”

next
Articolo Successivo

Salento, ecco le ‘commesse di sostituzione’ Lavoratrici domenicali pagate con voucher

next