La Apple ha appena presentato il nuovo iPad allo Yerba Buena Center di San Francisco. Come era stato anticipato nei giorni scorsi, la novità principale riguarda l’introduzione del retina display, che porta sullo schermo una risoluzione di oltre tre milioni di pixel, superiore a quella dei televisori HD. La presentazione è stata condotta da Tim Cook, il nuovo Ceo di Apple succeduto a Steve Jobs. Il nuovo prodotto sarà in vendita negli Stati Uniti a partire dal 16 marzo, con un prezzo base di 499 dollari per la versione con 16 GB. In Italia dal 23 marzo.

Oltre al retina display, 2,048 by 1,536 pixels e una saturazione migliorata del 44 percento rispetto al vecchio modello, il nuovo iPad ha un processore molto più potente, A5X, che consente di elaborare al meglio e senza scatti le immagini ad alta definizione ed è compatibile con le reti cellulari di quarta generazione (LTE). Questa caratteristica è stata una delle più apprezzate dal pubblico dello Yerba Buena Center, perché consentirà finalmente anche agli utenti del Nord America di inviare e ricevere dati molto più velocemente.

Le altre novità più rilevanti riguardano l’introduzione di Siri, l’assistente personale automatico lanciato con l’iPhone 4S a inizio autunno, e l’introduzione di una nuova videocamera sul retro da 5 megapixel, iSight camera, che usa la stessa tecnologia sviluppata per l’iPhone 4S. Il design è rimasto invariato, così come la capacità di memoria (da un minimo di 16GB a un massimo di 64GB) e la durata della batteria (10 ore, 9 se si usa una connessione 4G). Anche la fotocamera frontale, FaceTime camera, resta la stessa. Il prodotto può essere preordinato da oggi.

La sorpresa maggiore del pubblico dello Yerba Buena è stata proprio rispetto al nome scelto per il prodotto, che è stato semplicemente presentato come The New iPad e non iPad HD come era stato anticipato nei giorni scorsi. È’ stata presentata anche una nuova Apple TV, che ora consente anche di supportare i film – oltre alla musica e ai programmi televisivi – ed è in grado di suggerire nuovi titoli a seconda di quelli appena visti. I prezzi resteranno invariati sia per la Apple Tv sia per l’iPad, con lo stesso schema fino a ora adottato per i modelli con o senza 3G e con più o meno memoria.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Novità in Rete: Windows 8 in anteprima per curiosi e smanettoni

prev
Articolo Successivo

Nuovo colpo di Anonymous: distribuito in rete il codice sorgente di Norton Antivirus

next