Si chiama “scroccare le gallerie altrui”. D’altronde, saremo comunque obbligati.
Per spezzare una lancia a favore della TAV, e contro le popolazioni valsusine, in molti citano l’esempio della galleria ferroviaria che si sta scavando in Svizzera. Un bellissimo cantiere, i cittadini favorevoli, le gite scolastiche, tutti d’accordo si procede con la Grande Opera. E da noi? Rivolte di piazza. Siamo proprio contro “la modernità“.

La costruzione di AlpTransit, così si chiama il traforo ferroviario del Gottardo, dovrebbe invece suggerirci un’altra idea: l’idea alternativa alla sprecona TAV in Valsusa. Gli svizzeri, tramite referendum -da loro si usa così- hanno deciso che basta con i TIR. Il loro Paese è ormai la direttrice Amburgo-Napoli, e ogni anno transitano per le loro belle valli quasi un milione e mezzo di camion (quasi il doppio che in Valsusa), la maggior parte da e per l’Italia. Non ne possono più. Al punto di aver stabilito quanto segue: obbligo di trasferimento delle merci su rotaia per attraversare il territorio elvetico, nonché calo forzato del trasporto su gomma a circa 600 mila camion l’anno nei prossimi anni.

Leggete bene: si parla di “obbligo“, non di cortesi incoraggiamenti destinati a restare inascoltati. Se ci piace prendere ad esempio gli svizzeri, forse dovremmo cominciare anche noi a chiedere leggi restrittive del trasporto su gomma, invece di devastare valli e poi limitarsi a sperare che funzioni.
Non solo. Ecco cosa dice un ingegnere di AlpTransit: «Basterebbe poco, il raddoppio della linea che porta da Milano a Lugano, e potreste arrivare dal capoluogo della Lombardia a Parigi in meno di 5 ore. I soldi? Un’inezia se paragonati a quelli che servono per la Torino-Lione».

Già, un’inezia. Un’inezia e un’idea forse troppo semplice, quella di approfittare delle gallerie che scavano gli altri, limitarsi al raddoppio di una linea ferroviaria esistente, mettere una tassa sui camion e lanciare le merci “in Europa ad alta velocità”. Esiste già un accordo del nostro governo, peraltro, risalente al 1999 e rimasto lettera morta. Certo, così non si arriva a Lione. Non si arriva neppure a Limoges o a Clermont-Ferrand, peraltro. Tocca sacrificarsi. Ma forse varrebbe la pena, scegliere la soluzione meno costosa, meno devastante e più rapida. Gli svizzeri fanno il lavoro sporco, e la mafia rimane a becco asciutto.

Magari chissà, è proprio questo l’ostacolo principale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Quanta diossina c’è nel latte materno?

next
Articolo Successivo

“Mancanza di indipendenza e conflitto di interessi”. L’Efsa nel mirino delle associazioni

next