La valle è mia“. Sintesi perfetta per titolare il reportage di Servizio Pubblico dedicato al popolo No Tav. Lo speciale del programma tv andrà in onda stasera alle 21 su Cielo. Gli inviati di Michele Santoro e la sua squadra di operatori mostreranno immagini esclusive: a partire dallo sgombero della baita Clarea di Chiomonte in Val Susa. Il “presidio di resistenza contro l’alta velocità”, così è stata ribattezzata la baita dai valsusini che lottano ogni giorno contro la “devastazione delle loro valli”.

La “resistenza No Tav“, appunto, raccontata attraverso eccezionali documenti video, come quello della caduta dal traliccio del leader Luca Abbà, le fasi drammatiche successive alla tragedia, l’intervista integrale ad Abbà realizzata solo 48 ore prima e quella alla sua compagna, Manuela Favale che al giornalista Sandro Ruotolo, spiega quali sono le ragioni che ogni giorno li spingono a “lottare”. In primis le ragioni della “terra”, quelli di loro due agricoltori che rischiano di vedersi spazzare via la loro impresa agricola con il passaggio su quei terreni delle infrastrutture ferroviarie.

Il promo del reportage “La valle è mia”

La docuinchiesta, che sarà montata fino all’ultimo istante per seguire l’attualità stringente, mostrerà le azioni di protesta, i cortei, i sit in, i presidi, i blocchi stradali, in sostanza la mobilitazione che si snoda non solo in Piemonte.

Lo speciale di Servizio Pubblico “La valle è mia” verrà trasmesso su Cielo (canale 26 del digitale terrestre free e canale 126 della piattaforma Sky). Sarà visibile inoltre in streaming sul sito dello stesso programma www.serviziopubblico.it e sul ilfattoquotidiano.it.

Uno stralcio dell’ultima puntata di Servizio Pubblico dedicata proprio alla Val Susa

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Furbetti ammazza-internet: Fava ci riprova

prev
Articolo Successivo

Il senso della parola “giornalismo”

next