Il cantiere dello svincolo di Lambrate sulla tangenziale est di Milano ha compiuto vent’anni. Aperto per la prima volta nel 1992, non ha mai visto la fine dei lavori. Il motivo? L’innalzamento della falda acquifera nell’area est della città. A distanza di anni il cantiere riapre, ma il problema dell’acqua, mai risolto, blocca tutto un’altra volta. E per ripartire servono altri 100 milioni. “Il direttore dei lavori è lo stesso del ’92, l’ingegner Diego Ceccherelli”, attacca Nicola Fasani in arte Faso, bassista della band milanese, che nelle vicinanze ha il suo quartier generale. “Come si fa a non accorgersi dell’acqua per due volte?”, domanda Faso. E ancora: “Il fiume Lambro, qui a due passi, non l’hanno visto?”. L’opera è nelle mani della Milano Serravalle, la società al centro delle indagini per presunte tangenti che vedrebbero coinvolto lo stesso responsabile dei lavori, il direttore tecnico della società Gianlorenzo De Vincenzi  di Gianni Barbacetto e Franz Baraggino

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Rifiuti a Roma, Passera contro la Polverini e l’emergenza ora si avvicina

prev
Articolo Successivo

Roberto Cota è molto arrabbiato. E noi allora?

next