Bambini usati per produrre spille – pratica vietata un po’ in tutto il mondo – e condizioni di lavoro poco umane. Ancora, strutture fatiscenti e paghe da fame. Questa l’accusa che è arrivata alle aziende cinesi che producono per London 2012 dal report “Toying with workers’ rights” (Giocare coi diritti dei lavoratori), pubblicato – come di consueto dal 2004 – da PlayFair, associazione formata da alcune organizzazioni sindacali internazionali come il TUC e da Labour behind the label.

L’accusa è, come spesso avviene nel settore tessile e nelle imprese dei paesi emergenti, scontata: giocattoli, merchandising, magliette, felpe, sciarpe e cappelli sarebbero prodotti dalle aziende fornitrici senza il rispetto dei diritti minimi dei lavoratori. Ma ora il LOCOG, il comitato organizzatore dei giochi olimpici, corre ai ripari. Lo scorso 21 febbraio, grazie ai risultati di questo report, è infatti stato firmato un accordo che rilancia i vari codici etici che disciplinano le olimpiadi. E, così, fra le varie iniziative, Londra finanzierà anche un call center in Cina per tutti i lavoratori che vorranno denunciare situazioni di sopruso.

«Nel report non facciamo i nomi delle aziende che non rispettano le regole – dice Deborah Lucchetti, torinese, portavoce della campagna Abiti puliti, che ha rilanciato il report in Italia e che ha pure un’attiva pagina Facebook – sia per non mettere a rischio il futuro di questi lavoratori sia per spingere queste imprese a rientrare nella legalità. Nel report sono comunque menzionati i nomi dei licenziatari, cioè delle aziende che hanno vinto gli appalti e che poi hanno commissionato il lavoro ai fornitori. Grazie a questo rapporto – continua – si è subito aperta una fase negoziale con il LOCOG e così siamo giunti a questo grande risultato dell’accordo. E così il report ha avuto pesanti risultati ancora prima di essere reso pubblico. Soprattutto l’affermazione della necessità di un processo più trasparente. La filiera di questi prodotti deve essere conoscibile e riconoscibile da tutti».

PlayFair porta avanti già dalle Olimpiadi del 2004 il suo impegno contro lo sfruttamento. Il report di quest’anno è stato condotto grazie a interviste sul campo di un gruppo di ricercatori che hanno intervistato gli operai al di fuori delle fabbriche, in luoghi protetti e nascosti, e che sono riusciti anche a ottenere fotografie delle condizioni di lavoro.

«Le autorità cinesi – riprende Lucchetti – come è facile immaginare non facilitano affatto queste indagini sul campo, anche a causa della mancanza, in Cina, di un sindacato autonomo e indipendente. Ma esistono realtà, soprattutto a Hong Kong, che riescono a superare questo embargo. La censura – aggiunge la portavoce di Abiti puliti – è un po’ in tutto il mondo. Non sempre i media parlano di queste cose, perché quello delle Olimpiadi è un meccanismo dorato che nessuno vuole infrangere».

Il giro d’affari del merchandising di London 2012 è valutato in oltre un miliardo di sterline. I licenziatari hanno in gestione il marchio e sono loro a commissionare il lavoro ai fornitori. Non è quindi il LOCOG il diretto responsabile di quanto avviene in Cina e negli altri Paesi del mondo che sfruttano la manodopera – «anche se non c’è bisogno di andare lontano, avviene anche in Italia», dice Lucchetti – e a Londra, in questi giorni, il dibattito è ampio. La Bbc ha dedicato al report servizi televisivi e notizie sul sito Internet, i tabloid scandalistici hanno puntato sull’aspetto umano dei bambini obbligati a confezionare spille, il Guardian ha dato ampio risalto al ruolo del sindacato, in particolare del TUC. Il cui segretario generale, Brendan Barber, ha esultato per l’accordo raggiunto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Inghilterra-Argentina, alta tensione per le Malvinas. E lo sport diventa provocazione

prev
Articolo Successivo

Londra 2012, la città si attrezza con le “tende per ubriachi”

next