E menomale che è stato ribattezzato il “rottamatore”. E menomale che dice di voler cambiare la malapolitica delle cariatidi incollate alle poltrone, altrimenti Matteo Renzi, il giovane sindaco di Firenze, avrebbe detto che Silvio Berlusconi ha ragione a definirsi un “perseguitato politico” da magistrati “comunisti e cancro della democrazia”.

Invece, si è trattenuto. In un’intervista al Corriere della sera, ha detto che il leader del Pdl ieri, al processo per la corruzione del testimone David Mills è stato “prosciolto e spero che questo ponga fine alla lunga era delle curve e degli ultrà (sic!)”. Ma veramente non è stato proprio prosciolto…c’è stata la prescrizione….Per Renzi è la stessa cosa. “E’ vero. Ma con oggi Berlusconi è uscito dal processo, è un cittadino libero. Questo è un fatto. E chi volesse metterlo in discussione metterebbe in discussione la giustizia di questo paese (doppio sic!)”. Riepilogando il Renzi pensiero, dunque, devono tacere coloro che dicono o scrivono che Berlusconi ieri si è guadagnato la sesta prescrizione grazie alle leggi che si è fatto approvare dalla sua maggioranza di parlamentari nominati (compresi i suoi avvocati). E che con quelle leggi si è potuto accaparrare la Mondadori, evadere il fisco, truccare i bilanci, ecc. ecc. garantendosi l’impunità.

Ma forse Renzi non si è ancora ripreso dalla folgorazione sulla via di Arcore. Ci è andato a dicembre 2010. Lì, Silvio Berlusconi gli ha detto: “ Tu mi somigli”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Silvio, ce l’abbiamo fatta!

next
Articolo Successivo

E’ qui la festa?

next