Ancora un nulla di fatto nel processo alle camicie verdi. Nella tarda mattinata di sabato i giudici del tribunale di Verona, dopo più di un’ora di camera di consiglio, hanno infatti concesso al pubblico ministero Angela Barbaglio di rinviare nuovamente gli atti alla Corte Costituzionale per una nuova richiesta di chiarimento in merito ai dubbi sulla costituzionalità delle norme che avevano abrogato il reato di associazione di carattere militare con finalità politiche. Una decisione che inevitabilmente allungherà i tempi del processo, facendo così storcere il naso a imputati e difesa, che per la giornata di oggi speravano nell’archiviazione, anticamera di quel ricorso alla corte di giustizia dell’Unione europea che avevano annunciato la scorsa settimana. “E’ inaccettabile che si debbano aspettare più di 15 anni per avere una sentenza, e soltanto di primo grado”. Così Enzo Flego, uno dei trenta indagati rimasti nel processo. “E’ una cosa – ha aggiunto Flego – che ho fatto presente anche alla dottoressa Angela Barbaglio, pubblico ministero in questo processo infinito”.

L’inchiesta è iniziata circa sedici anni fa, per volontà dell’allora procuratore di Verona Guido Papalia, che aveva cercato di fare luce sulla Guardia nazionale padana, mosso dalla volontà di capire se quell’organizzazione avesse finalità contrarie alla legge (come la lotta contro lo Stato). Per arrivare a discutere il caso in un’aula di tribunale si è dovuto attendere fino al 2010, perché nel frattempo contro il processo è stata ingaggiata una lotta senza esclusione di colpi, con continue richieste di pronunciamenti a Camera e Senato, al parlamento di Strasburgo e alla Corte Costituzionale. Escamotage della difesa per prendere tempo e lavorare sull’abrogazione delle leggi o sulla depenalizzazione dei reati di cui erano accusati i trentasei leghisti. La legge relativa all’ultima ipotesi d’accusa che restava ancora aperta sul conto degli imputati è stata abrogata con due norme successive promosse dall’ex ministro Calderoli. Ed è proprio sulla costituzionalità di queste ultime che il pm Barbaglio ha chiesto di interpellare la Consulta. “La questione non è semplice – ha spiegato Attilio Fontana, sindaco leghista di Varese e avvocato difensore delle camicie verdi -, in sostanza il pm ha chiesto di rimandare tutto alla Corte Costituzionale, che aveva già valutato la questione in occasione di un precedente rinvio. Ma in un primo momento si era espressa sul decreto legislativo 66 del 2010, mentre oggi il pm ha chiesto di rinviare per valutare la costituzionalità del decreto legislativo 213 del 2010. In questo momento ci sono due decreti che abrogano la stessa legge, essendo valido e riconosciuto il primo, secondo noi non c’era bisogno di valutare anche il secondo. Il tribunale in maniera forse un po’ maliziosa ha deciso invece di rinviare il 213 e il 66, secondo noi in questo c’è un po’ di accanimento terapeutico. Ora dovremo aspettare un anno e mezzo, ammesso che tutto vada bene, più i tempi dell’attività istruttoria. Diciamo che è un po’ una vergogna che si debba aspettare tutto questo tempo per arrivare ad una sentenza, ci sono gli estremi per un ricorso alla Corte di giustizia dell’Unione europea”.

Tra gli imputati in questo processo figurano nomi noti del panorama leghista: da Giampaolo Gobbo a Matteo Bragantini passando per Enzo Flego e Marco Formetini, con loro tanti altri: “La persecuzione politica continua – ha commentato l’imputato varesino Stefano Cavallin -. È una vergogna! Ora intendo denunciare lo stato italiano per questa persecuzione. Chiederò un milione per ognuno dei 16 anni di sofferenze che mi hanno fatto patire”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Aiutava il sindaco arrestato per camorra Prefetto di Frosinone “messo a disposizione”

next
Articolo Successivo

Sequestrata la casa degli incontri fra Maradona e i boss. Era affittata a immigrati

next