Mario Vattani è stato richiamato definitivamente in Italia dalla Farnesina. L’ex console generale ad Osaka, dunque, tornerà in Giappone solo per il disbrigo delle formalità di rientro.

Vattani, leader del gruppo fascio-rock “Sotto fascia semplice”, soprannominato Katanga, era stato ripreso in un video, lo scorso maggio, in occasione di un raduno organizzato a Roma da Casapound, in cui cantava versi tipici del Ventennio fascista, diretti contro i pacifisti e i disobbedienti e mentre tendeva il braccio facendo il saluto romano. Figlio di Umberto Vattani, diplomatico di lungo corso e per molti anni presidente dell’Ice, il diplomatico aveva già lasciato il Giappone il 22 gennaio, dopo aver ricevuto una “comunicazione ministeriale” con la richiesta “di presenziare di fronte alla commissione disciplinare” a Roma.

Con la decisione di oggi la Farnesina ha ufficializzato il suo ritorno in Italia destituendolo dalla carica di console generale ad Osaka. Carica che ha ricoperto dal 25 luglio 2011. Prosegue invece il procedimento da parte della Commissione di disciplina della Farnesina nei sui confronti che, spiegano fonti ministeriali, durerà per circa altri 60 giorni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Quando i media ignorano le assoluzioni

prev
Articolo Successivo

“La ‘ndrangheta ligure in lista? La notizia arrivò a livello regionale, ma nulla accadde”

next