Oltre 11,3 milioni di euro. A tanto ammonta il danno accertato e recuperato dalla Corte dei Conti della Lombardia nel 2011. E’ quanto emerge durante l’inaugurazione dell’anno giudiziario in corso a Milano. Nel 2011, infatti, sono state emesse sentenze di condanna per oltre 11,3 milioni di euro per i reati di abuso d’ufficio, concussione e corruzione.

La denuncia arriva da Antonio Caruso, procuratore della Corte dei Conti della Lombardia, durante l’inaugurazione dell’anno giudiziario in corso a Milano. Un pericolo che si annida “nel profondo del tessuto pubblicistico e costituisce un’intollerabile distorsione del sistema”. Caruso ricorda che secondo il rapporto 2011 di Trasparency International, in Italia negli ultimi due anni, l’indice di percezione della corruzione è peggiorato e come segnalato più volte “il fenomeno corruttivo si traduce in un indebito altissimo costo a carico dell’erario”. Infine ha ricordato come il ruolo della Corte dei Conti contro la corruzione “è oggi fondamentale”.

Insomma, a vent’anni da Mani Pulite il fenomeno della corruzione non solo non è cambiato, ma è addirittura peggiorato. E’ quanto sostiene Claudio Galtieri, presidente della Corte dei Conti della Lombardia. “Non solo non è cambiato nulla, ma il fenomeno della corruzione è peggiorato perché si sono raffinati i meccanismi. Molto ad esempio viene mascherato dalle consulenze, dove è difficile capire cosa è nascosto”. Il presidente ha ricordato che sono ancora diffusi i comportamenti illeciti dei funzionari dei settori finanziari dello Stato, così come emergono irregolarità in sede di assunzione, assenze con certificati falsi o ancora danni all’interno del sistema sanitario.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore

IL DISOBBEDIENTE

di Andrea Franzoso 12€ Acquista
Articolo Precedente

Dulbecco, quando il Nobel entrò a casa degli italiani

next
Articolo Successivo

Alzheimer, università di Chieti: “Prelievo del sangue per riconoscere la malattia”

next