Il successore di Christian Wulff, alla carica di presidente della Repubblica federale tedesca, sarà con ogni probabilità Joachim GauckAngela Merkel avrebbe, infatti, compiuto una totale marcia indietro rispetto al 2010 quando Gauck era stato il candidato più votato dai tedeschi. In quell’occasione, però, la cancelliera aveva  imposto l’allora presidente della Bassa Sassonia, Wulff.

Gauck è il candidato dei social democratici del Spd e dei liberali del Fdpe, ha 72 anni, è un pastore protestante ed è stato un attivista dei diritti umani nell’ex Germania orientale, Joachim Gauck. Le Unioni cristiane (Cdu-Csu) della Merkel, il suo alleato liberale (Fdp), il partito socialdemocratico (Spd) e i Verdi dispongono di una comoda maggioranza affinchè Gauck venga nominato senza contrasti. ”Non vi aspettate da me che io sia un superman o una persona che non fa errori”, ha dichiarato Gauck in un passaggio del suo discorso in cancelleria, tenuto al fianco di Angela Merkel.

E’ durato solo due giorni l’incarico di presidente ad interim del presidente della Camera Bassa, Horst Seehofer (Csu) nominato dallo stesso Wulff dopo le sue dimissioni. L’ex presidente, infatti, aveva dovuto lasciare la carica il 17 febbraio,  per un’accusa di interesse privato in ufficio: avrebbe ottenuto un finanziamento a tasso agevolato da un imprenditore amico ed il pagamento di alcune notti di vacanza da parte di conoscenti. “Ho commesso degli errori – aveva dichiarato Wulff – ma sarò scagionato. Lascio perché la fiducia nei miei confronti è incrinata”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

L’Iran chiude i rubinetti del petrolio
a Gran Bretagna e Francia

prev
Articolo Successivo

Enrica Lexie, i due marò rischiano la pena di morte. Cortei anti italiani

next