Soffia vento di rivolta globale. Dal Cile all’Italia, dalla Grecia agli Stati Uniti d’America. Sono soprattutto giovani e studenti a riversarsi nelle strade, stanchi di un neo-liberismo dedito al profitto. Il documentario di Manuel Anselmi e Luciano Usai “Conversazione con Camila Vallejo”, presentato ieri al Teatro Valle di Roma, racconta la lotta studentesca cilena attraverso un’intervista cardine alla leader del movimento, Camila Vallejo, un’icona per gli attivisti di tutto il mondo. I media etichettano questi movimenti con il termine indignados, anche se ogni realtà ha le proprie specificità. Eppure quando l’occhio della telecamera si avvicina alle vite di questi ragazzi scorge un disagio e una frustrazione comune, addirittura mondiale. Cittadini che si sentono saccheggiati dei loro diritti, del loro futuro.
di Irene Buscemi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

I No Tav manifestano davanti al carcere torinese delle Vallette

next
Articolo Successivo

Commercianti contro Area C: “Le vendite sono calate del 60%”

next