Alfonso Papa è libero da più d’un mese, dopo 101 giorni trascorsi in carcere e alcune settimane ai domiciliari, eppure, secondo la corte di Cassazione, il “pericolo di recidiva” messo in evidenza dal tribunale del Riesame si basa su una motivazione “congrua e logica”. La sentenza è del 27 gennaio e l’uomo chiave della cosiddetta “P 4” – con Luigi Bisignani che ha già patteggiato la pena – resta potenzialmente recidivo, come ritiene il Riesame, “dal momento che ha continuato a mantenere relazioni e rapporti con politici, nonché con imprenditori coinvolti nelle vicende”.

Scrive la suprema corte: “Secondo l’ordinanza (impugnata da Papa, difeso dall’avvocato Giuseppe d’Alise ndr) si è ritenuto che il rischio di ulteriori condotte illecite (…) non sia direttamente collegato alle funzioni pubbliche dalle quali Papa è stato sospeso, ma sia reso probabile da una permanente posizione soggettiva che gli consente di continuare a porre in essere condotte antigiuridiche, aventi lo stesso rilievo, e offensive della stessa categoria di beni e valori di appartenenza del reato commesso”.

La Cassazione conferma il giudizio – “La motivazione appare congrua e logica” – e rigetta parzialmente il ricorso di Papa, rinviando il tutto al Riesame di Napoli che, in astratto, potrebbe nuovamente chiedere il carcere. Ipotesi di scuola, considerato che, su quest’eventuale richiesta, dovrebbe tornare a pronunciarsi prima la Cassazione e poi il Parlamento. Ipotesi di scuola, infine, per un altro motivo essenziale: molti dei capi d’imputazione, sui quali Papa aveva presentato ricorso per le misure caute-lari, dalla Cassazione sono stati annullati, in ben tre sentenze, a partire dall’associazione per delinquere per finire alla ricettazione.

da Il Fatto Quotidiano del 7 febbraio 2012

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Stupro di gruppo, titoli di giornale e nervi scoperti

prev
Articolo Successivo

Intercettazione Fassino-Consorte
Silvio Berlusconi rinviato a giudizio

next