Il senatore Luigi Lusi è stato espulso dal gruppo del Pd al Senato. Lo ha deciso l’ufficio di presidenza del gruppo. Secondo l’agenzia Agi, il senatore era stato invitato a dimettersi, non ha accettato e quindi il gruppo, all’unanimità, lo ha espulso. Lusi ha ammesso di fronte ai magistrati di Roma di aver dirottato a fini personali circa 13 milioni di euro di fondi della Margherita, il partito di cui era tesoriere.

Sul fronte giudiziario, il senatore cerca di ottenere il patteggiamento dai pm che lo accusano di appropriazione indebita aggravata.La sua proposta, a quanto si apprende, sarebbe di accettare la pena di un anno di reclusione e con sospensione condizionale della pena. Ma il procuratore aggiunto Alberto Caperna e il pubblico ministero Stefano Pesci non la ritengono congrua, considerato che la pena prevista per questo episodio è fino a tre anni.

Lusi ha anche depositato al magistrato una bozza di fideiussione bancaria a garanzia della restituzione di 5 milioni alla Margherita, partito sciolto nel 2007 per confluire nel Pd, ma che continua a detenere un patrimonio e a percepire il “rimborso elettorale”. E’ la somma massima che il senatore dice di essere in grado di poter restituire,perché tra l’altro 5 dei 13 milioni sottratti sono finiti al fisco per le tasse da pagare per le operazioni finanziarie messe in atto. Tra queste, l’acquisto di un lussuoso appartamento nel centro di Roma e una villa a Genzano, e per le operazioni finanziarie (soldi trasferiti in Canada) con trasferimento di soldi in Canada. Sul risarcimento deve pronunciarsi anche la Margherita e, una volta sanciti i termini del patteggiamento, il procedimento penale sarà dichiarato concluso.

La villa a Genzano (Roma) del senatore Pd, Luigi Lusi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La macchina mangia-soldi
dei rimborsi elettorali

prev
Articolo Successivo

Lusi e quei 4 milioni
per le primarie del Pd

next