Un’iniezione di fiducia arriva sui mercati dopo il Consiglio europeo di ieri: le borse europee chiudono tutte in positivo, con il Ftse Mib che segna +0,48% a 15.828 punti, l’All Share +0,68% a 16.774 e lo Star +0,72% a 10.022. Gli stati dell’Ue hanno raggiunto un accordo sia sul fiscal compact, sia sull’avvio anticipato del Fondo salva Stati Esm. Solo Gran Bretagna e Repubblica Ceca non hanno firmato l’intesa a 25. Parigi sale dell’1,01% a 3.295,55 punti e Francoforte avanza dello 0,22% a 6.458,98 punti. Londra registra un progresso dello 0,19% a 5.681,61 punti e Atene vola a +8,8%. Il differenziale tra Btp e Bund resta poco mosso rispetto alla chiusura di ieri: lo spread è sceso sotto i 420 punti e si è attestato a 417 punti. Il rendimento del decennale è al 5,96%.

Ma l’interrogativo principale resta la Grecia, ancora a rischio default. Una situazione che continua a preoccupare l’Europa, spaventata dal contagio, con gli spread del Portogallo schizzati a 1500 punti e la Spagna che ammette che non raggiungerà gli obiettivi di bilancio del 2012. Ed è salita anche la pressione della Ue su Atene perché chiuda in fretta la partita con i creditori privati e lavori a tempo pieno sulle riforme strutturali: senza nuovi impegni l’Europa non le darà gli aiuti previsti dal secondo piano di ottobre. Ma la proposta ‘choc’ di Angela Merkel di commissariare i conti di Atene non solo non ha trovato sostegno, ma ha raccolto aperte critiche anche dall’alleato Sarkozy.

LA CRONACA ORA PER ORA

17.40 – Borse chiudono in positivo
Le borse europee chiudono in rialzo, seppure sotto i massimi di giornata, sostenute dall’attesa che un accordo per la ristrutturazione del debito greco sia a portata di mano, all’indomani dell’intesa raggiunta tra i leader europei sul fiscal compact. I listini del Vecchio Continente risentono del rallentamento di Wall Street, che e’ negativa. Milano guadagna lo 0,48%% a 15.828,05 punti , Parigi sale dell’1,01% a 3.295,55 punti e Francoforte avanza dello 0,22% a 6.458,98 punti. Londra registra un progresso dello 0,19% a 5.681,61 punti e Madrid segna un -0,09%. Atene vola a +8,8%.

16.00 – Proseguono in rialzo le borse europee. Atene +8,2%
Le borse europee viaggiano in rialzo, sostenute dall’attesa che ormai un accordo per la ristrutturazione del debito greco sia a portata di mano, all’indomani dell’intesa raggiunta tra i leader europei sul nuovo Patto di bilancio. Milano guadagna l’1,62%, Parigi sale dell’1,53% e Francoforte avanza dell’1%. Londra registra un progresso dello 0,6% e Madrid segna un +0,3%. Atene vola a +8,2%.

15.55 – Spread a 415 punti base
Il differenziale di rendimento tra Btp decennali e Bund tedeschi equivalenti torna a scendere a 415 punti. Il rendimento del decennale si piazza al 5,98%.

15.40 – Apre in positivo Wall Street
Apertura in territorio positivo per Wall Street. Il Dow Jones sale dello 0,42%a 12.709,19 punti, il Nasdaq avanza dello 0,48% a 2.825,27 punti mentre lo S&P 500 mette a segno un progresso dello 0,42% a 1.318,26 punti.

15.35 – Borse europee in rialzo
Le borse europee viaggiano in rialzo, sostenute dall’attesa che ormai un accordo per la ristrutturazione del debito greco sia a portata di mano, all’indomani dell’intesa raggiunta tra i leader europei sul nuovo Patto di bilancio. Milano guadagna l’1,55%, Parigi sale dell’1,52% e Francoforte avanza dell’1,09%. Londra registra un progresso dello 0,77% e Madrid segna un +0,23%. Atene sale del 4,95%.

15.16 – Ftse Mib + 1,5%
Prosegue in chiaro rialzo la sedutadi Piazza Affari: l’Ftse Mib segna una crescita dell’1,54%, l’Ftse All Share un aumento dell’1,49%. Rimane sugli scudi Fondiaria Sai, che sale dell’8,02%, con Premafin in aumento del 2,58%, e Unipol piatta (+0,10%). Bene il Banco popolare (+5% netto), seguita da Bpm (+4,74%). Acquisti su Intesa SanPaolo (+3,60%), Mps (+3,29%) e Unicredit (+2,64%). Ok Fiat (+2,76%), cauta Eni (+1,13%), qualche vendita su Impregilo (-0,75%) e per Generali, che cede lo 0,25%.

15.00 – Spread a 421 punti
Il differenziale di rendimento tra Btp decennali e Bund tedeschi equivalenti sale a 421 punti. Il rendimento del decennale è al 6,02%

14.30 – Benetton sospesa in borsa fino a domani
La sospensione di Benetton in Borsa“ è prolungata in attesa del comunicato previsto per domani 1 febbraio 2012”. Lo comunica Borsa Italiana. Domani si riunirà il consiglio di amministrazione della controllante Edizione per decidere sul lancio di un’opa finalizzato al delisting della società.

14.00 – Piazza Affari sale dell’1,69%
Milano guadagna l’1,69%, Parigi sale dell’1,48% e Francoforte avanza dell’1,03%. Londra registra un progresso dello 0,77% e Madrid segna un +0,56%. Atene vola con un rialzo di quasi il 5%.

13.00 – Spread a 419 punti
Il differenziale di rendimento tra Btp decennali e Bund tedeschi equivalenti risale a 419 punti. Il rendimento del decennale è al 6,01%.

12.37 – Benetton cresce in borsa
Corre Benetton in Borsa (+9,82%) inattesa dei conti che oggi il cda è chiamato a esaminare. A spingere il titolo anche rumors, smentiti dal gruppo trevigiano, di una possibile alleanza con la spagnola Inditex (Zara).

12.14 – I listini del Vecchio Continente aumentano i guadagni
Le borse europee viaggiano in deciso rialzo a metà mattina sostenute dalle attese che l’accordo sulla ristrutturazione del debito greco sia piu’ vicino. Milano traina i rialzi con un guadagno dell’1,63, Londra sale dello 0,96%, Parigi avanza dell’1,34% e Francoforte cresce dell’1%. Madrid registra un progresso dello 0,58%.

11.00 – Ftse Mib + 1,56%
Borsa valori in rialzo nella prima parte della mattinata. L’indice Ftse Mib segna un +1,56%, All Share a +1,51%, al traino di Fiat e delle banche.

10.42 – Bene i bancari a Piazza Affari
Maglia rosa per Bpm a 0,3979 euro (+4,27%), seguito da Intesa Sanpaolo a 1,457 euro (+2,90%), Banco Popolare a 1,153 (+2,95%), Unicredit quota a 3,666 (+2,86%) nel giorno del primo cda post aumento di capitale. In progresso anche Ubi Banca a 3,62 euro (+2,85%), Mps quota a 0,2945 (+2,97%), Bper guadagna invece l’1,78% a 5,995 euro, ‘fanalino di codà Mediobanca (+1,54% a 4,738).

10.30 – Spread a 415 punti.
Accelera la discesa dello spread tra bund tedeschi e btp decennali. Dopo un avvio poco mosso in apertura, sotto la soglia di 430 punti, il differenziale si attesta a 415,5 punti.

09.57 – FT: “Banche raddoppieranno prestiti dalla Bce”
Le banche europee si preparano a raddoppiare il loro ricorso al prestito illimitato d’emergenza a tre anni che la Bce si appresta a ripetere a febbraio: ma il finanziamento voluto da ‘Super Mariò, scrive il Financial Times riferendosi al presidente della Bce Mario Draghi, “non è una panacea”.

09.00 – Borse europee aprono in rialzo
L’indice Ftse 100 a Londra sale dello 0,68% a quota 5.709,83 punti, il Cac 40 di Parigi avanza dello 0,93% a 3.295,91 punti e il Dax 30 di Francoforte registra un progresso dello 0,69% a 6.488,67 punti. L’Ftse Mib a Milano apre in rialzo dell’1,18% a 15.938 punti, l’Ibex di Madrid sale dello 0,57% a 8.565,3 punti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Norme antiriciclaggio: è la Santa sede
a imporre le sue condizioni all’Italia

next
Articolo Successivo

Un trattato non europeo

next