Il nuovo spot della Fiat Panda è bellissimo. Dal punto di vista teorico e tecnico. Ma non è stato progettato per vendere più macchine.

Poteva esserci un qualsiasi altro autoveicolo e non sarebbe cambiato nulla. Nei 90 secondi non c’è alcun riferimento specifico ai valori distintivi del prodotto né alle differenza con i suoi concorrenti. È una pubblicità di automobili che non parla di automobili. È una campagna ‘di posizionamento’, di brand, che serve al management per trasmettere i propri valori aziendali. In questo caso il brand è Fiat. Negli Stati Uniti è Chrysler, l’auto è una Jeep. Stesso spot, stessa colonna sonora, stesso montaggio, stessi ambienti, persino lo stesso claim: “Le cose che costruiamo ci rendono ciò che siamo“.

I due video, a scanso di equivoci, hanno lo stesso nome: ‘Manifesto’. Sono perfettamente identici sebbene i due prodotti in vendita siano completamente differenti. In Italia si parla di una vettura di fascia bassa (la Panda), negli Stati Uniti di un auto di fascia medio-alta (una Jeep).

Tutto questo, secondo me, tradisce le reali intenzioni della campagna del gruppo Fiat-Chrysler. Forse negli Stati Uniti i fini sono realmente commerciali; qui in Italia, a mio avviso, no.

Marchionne coglie l’occasione commerciale per mettere in bella copia il suo Manifest0. È uno spot politico a tutti gli effetti. Pone il consumatore/cittadino davanti a un bivio, ricorrendo all’approccio referendario che oramai conosciamo: non vi nascondo che dopo averlo visto la prima volta ho pensato che lo spot fosse sbagliato perché faceva venire in mente i referendum di Mirafiori e Pomigliano.

Chiede retoricamente quale Italia preferiamo e quindi a quale Italia vogliamo appartenere. È evidente che nessuno vorrà sentirsi escluso dall’Italia che funziona, dunque sarà empaticamente sensibile al messaggio. Descrive quella ‘positiva’ nel dettaglio: i valori (arte, talento, giovani, imprese industriali nella prima parte) e le persone (chi si sveglia al mattino per costruire una cosa ben fatta) nella seconda. E lascia l’Italia ‘negativa’ ai margini, la evoca in modo sfumato, senza puntare il dito contro nessuno e senza neanche citare le polemiche italiane, ma ricorrendo piuttosto alla fuga dagli stereotipi internazionali sul nostro Paese, cercando ancora una volta di far leva sull’orgoglio patriottico.

Se lo spot è uguale in Italia e negli Usa, ne discende che l’italianità di prodotto è solo un pretesto (che secondo Giovanna Cosenza non è nemmeno credibile), mentre il testo dello spot, di 30 secondi più lungo rispetto a quello americano, è disegnato per parlare al Paese, a questo Paese in questo preciso momento storico. La retorica narrativa, non a caso, è l’unica differenza evidente tra la pubblicità della Panda e quella della Jeep.

“Noi possiamo scegliere. È il momento di decidere. È il momento di ripartire. Dall’unico modo che conosciamo”.

In teoria dovrebbe rispondere la Fiom, i sindacati, qualche leader di centrosinistra. Magari con un controspot o un po’ di satira. Per il momento resta un sogno fantapolitico.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

PERCHÉ NO

di Marco Travaglio e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

La crisi, Monti e il ricatto generazionale

next
Articolo Successivo

Quei numeri di Bankitalia che i tecnici non vedono

next