Prima un’incursione al Colosseo nel primo pomeriggio tra canti e balli colorati, poi un corteo pacifico nelle vie del centro storico di Roma. Così 200 ragazzi del movimento degli Indignados hanno sfilato da piazza san Giovanni fino a piazza del Popolo. Nel tragitto hanno effettuato una serie di blitz, oltre al Colosseo, uno anche al MacDonald’s di piazza di Spagna. La sfilata ha creato qualche disagio in centro, alcune linee di bus sono state deviate, tanto che il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, ha chiesto alle autorità di intervenire subito per bloccare la manifestazione “perché non autorizzata”. Gli Indignados poi hanno terminato la loro protesta “colorata” in piazza del Popolo. “Non vogliamo creare disagi gravi – dichiara una ragazza ai microfoni de ilfattoquotidiano.it -, ma solo svegliare le coscienze”.
Servizio di Paolo Dimalio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tav, manca il progetto esecutivo ma il cantiere rimane off limits

prev
Articolo Successivo

Area C, le difficoltà dei milanesi: “Non si capisce niente”

next