Era nato a Pesaro nel 1935 e nel corso di una carriera più che quarantennale era diventato un luminare della diagnosi prenatale. È Luciano Bovicelli, scomparso a 76 anni nella sua abitazione bolognese il 18 dicembre scorso, un medico che ha fatto la storia non solo nazionale della ginecologia. Malgrado i trent’anni di differenza d’età, poi, dal 2003 si era sposato con Anna Maria Bernini, avvocato eletta in parlamento per il Pdl e ministro per le politiche europee dal 27 luglio al 16 novembre 2011.

Bovicelli, laureatosi nel 1967 e specializzatosi in ostetricia e ginecologia all’università di Bologna, anni più tardi era diventato direttore della stessa scuola di specialità non prima di aver lavorato a Londra e di aver insegnato presso l’ateneo felsineo. Negli anni Settanta le sue ricerche erano sfociate nella nascita del primo centro di fisiopatologia prenatale e nella diagnosi ecografica delle malformazioni fetali. Inoltre si era occupato anche patologia oncologica e di infezioni contratte prima della nascita studiando, tra i primi a livello nazionale, la trasmissione dell’Hiv da madre a feto durante la gestazione.

Pioniere dei test genetici oggi effettuati normalmente nelle prime fasi della gravidanza (come la amniocentesi, la villocentesi e la cordocentesi) quando l’età della gestante non è più giovanissima o c’è il sospetto di alterazioni cromosomiche, nel corso della sua carriera di queste analisi ne aveva effettuate 40 mila. Un numero notevole per la comunità clinica e scientifica, che aveva riconosciuto in Bovicelli uno dei più esperti nel settore.

La sua carriera aveva poi compreso 600 pubblicazioni uscite su 300 riviste di respiro internazionale, 6 monografie e più di 150 articoli (tra le testate per cui aveva scritto compaiono American Journal of Obstetric and Gynecology, Lancet, Clinical Genetics, Prenatale Diagnosis, Radiology e Journal of Clinical Ultrasound). E oltre all’attività universitaria c’erano state poi le collaborazioni con le cliniche specializzate, a iniziare dalle bolognesi Tecnobios e Villa Regina.

Anche il figlio Alessandro, nato nel 1967 da un precedente matrimonio, aveva seguito le orme paterne laureandosi in medicina nel 1992 e prendendo la stessa specializzazione, che lo ha portato a collaborare con strutture sanitaria statunitensi approdando poi al policlinico bolognese Sant’Orsola, oltre alla scuola di specialità in ginecologia e ostetrica del capoluogo emiliano.

Alle esequie, che si terranno martedì 20 dicembre alle 11 nella chiesa dei Santi Bartolomeo e Gaetano in strada Maggiore (dopodiché il feretro partirà per Pesaro, dove verrà inumato nella tomba di famiglia) sono annunciate partecipazioni importanti. Tra queste, quella del sindaco di Bologna Virginio Merola, e di alcune tra le sue pazienti più celebri, come Nicoletta Mantovani, vedova di Luciano Pavarotti ed ex assessore alla cultura del comune emiliano, Ludovica Andreoni, legata a Luca Cordero di Montezemolo, Katia Ricciarelli, ex moglie di Pippo Baudo, e Azzurra Caltagirone, sposata con Pierferdinando Casini.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

San Raffaele, un imprenditore ai pm: “Per lavorare dovevo pagare il meeting di Cl”

next
Articolo Successivo

Muore a 16 anni durante
il viaggio della speranza

next