Tre cittadini italiani sono stati fermati in nottata al Cairo dalla polizia egiziana e sono stati trasferiti in un commissariato nel centro della capitale egiziana per accertamenti. Il caso viene seguito dall’ambasciata d’Italia al Cairo.

I tre, di cui non sono state rese note le generalità, sono stati fermati insieme a una ragazza palestinese e non si sono qualificati come giornalisti o studenti. La rappresentanza diplomatica italiana non conferma le accuse che, secondo la stampa egiziana, la sicurezza del Cairo ha formulato nei loro confronti, ovvero l’incendio di un palmeto di fronte a un hotel nella capitale egiziana.

Al momento viene anche escluso un collegamento tra l’arresto dei tre e gli scontri di piazza Tahrir contro la giunta militare. La diplomazia italiana è quindi in contatto “con le autorità egiziane per risolvere la situazione”, spiega una fonte dell’ambasciata, e “i funzionari del consolato sono impegnati al commissariato per ottenere il loro rilascio quanto prima e fornire assistenza” ai nostri tre connazionali.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sindaco e consigliere regionale, ora non si può
La Consulta vieta i doppi incarichi calabresi

next
Articolo Successivo

Napoli, sequestrato il furgone di Casapound
tensione per la manifestazione

next