“Il Presidente Napolitano avrebbe fatto bene a stare zitto. Non spetta al Capo dello Stato, che qui in Italia ha già enormi poteri, decidere e intromettersi nelle cose che competono al Governo”. Lo ha detto alla Zanzara su Radio 24 l’ex sottosegretario Carlo Giovanardi. “Sono angosciato perchè in tutti i paesi del mondo c’è un sistema per cui chi va a governare governa. Qui invece l’aspirazione ormai non è quella di diventare presidente del consiglio, ma presidente della Repubblica perché, diversamente dalla regine, dai capi di stato che non contano assolutamente niente, in Italia il presidente della repubblica è diventato un ruolo non soltanto di notaio, ma anche di politico. In quale paese un capo dello stato decide qual è la cittadinanza o no o si intromette in questioni che sono del Parlamento e del governo? Se io oggi critico quello che ha detto il capo dello stato, mi fanno tacere subito dicendo che il capo dello stato è un arbitro, non è criticabile, perchè non è parte del gioco politico. Negli USA invece Obama può essere criticato. Napolitano non doveva intervenire perchè non è nel suo ruolo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La Lunga notte di Saponara

next
Articolo Successivo

Mediaset, il nuovo governo non fa paura

next