Ventiquattro ore, sette città, sette incidenti sul lavoro, sette morti bianche. Le ennesime. C’è chi è morto cadendo da un’impalcatura (nel frusinate, a Spoleto e vicino Piacenza), chi è stato schiacciato da lastre e pedane (in provincia di Viterbo e a Foggia) e chi è stato colpito da pietre (a Como e in provincia di Trieste). Storie diverse, professioni diverse, drammi simili. Il tutto in appena un giorno.”E’ un’emergenza nazionale, su cui chiediamo al governo un impegno immediato”: è l’appello del segretario generale della Fillea-Cgil, Walter Schiavella, secondo cui il bilancio di giornata assomiglia “all’ennesimo tragico bollettino di guerra dai cantieri”.

“Non è possibile continuare così – ha detto il sindacalista – , chiediamo al nuovo esecutivo di avviare subito un piano straordinario di controlli sulla sicurezza e sulla regolarità del lavoro nei cantieri” perché, in tempi di crisi, “la corsa al ribasso e al risparmio sui costi del lavoro, l’esasperazione dei ritmi produttivi, l’elusione delle regole e l’assenza di controlli” provocano l’aumento esponenziale degli incidenti e dei morti sul lavoro. Occorre fermare questa carneficina”.

Alla richiesta della Fillea-Cgil si unisce anche il presidente nazionale dell’Anmil (associazione fra i lavoratori mutilati e invalidi del lavoro), Franco Bettoni, che si è rivolto direttamente al neo ministro del Welfare, Elsa Fornero. “Un’altra giornata nera si aggiunge alle statistiche degli incidenti sul lavoro. Sette morti in sette differenti città è il triste bilancio di ieri che, ancora una volta, ci obbliga a riflettere sull’importanza di fare prevenzione dentro e fuori gli ambienti lavorativi, soprattutto tra i giovani”. A tal proposito, Bettoni ha chiesto alla Fornero di inserire nella sua agenda “azioni mirate e condivise contro questa piaga sociale”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Effetto Marchionne, sindacati divisi sulla decisione Fiat di disdire gli accordi collettivi

next
Articolo Successivo

Saremo capaci di essere poveri?

next