Sul versante infomercial, cioè della pubblicità spacciata per informazione, la Gazzetta dello Sport non riposa mai.

Nell’edizione di oggi, la pagina numero 5 ne è un esempio da manuale. In apparenza essa è dedicata alla Juventus, con due interviste rilasciate da Alessandro Del Piero e Gigi Buffon, titolate con dei virgolettati in cui vengono riportate dichiarazioni dei due. Quello che sovrasta l’intervista con Alessandro Del Piero, firmata da G. B. Olivero, ha come titolo: “Restare in panchina mi brucia troppo”. Per quanto riguarda il titolo dell’intervista con Buffon, firmata da Fabio Bianchi, esso recita: “Un po’ più di credibilità/ Così i rivali tremeranno”.

Ma poi basta leggere le prime righe dell’articolo per scoprire che l’informazione c’entra poco. L’intervista con Del Piero viene introdotta da questo passaggio: “Ieri mattina Ale doveva lanciare il nuovo prodotto del suo sponsor tecnico e il programma prevedeva anche una rapida comparsata durante le partite giocate prima tra giornalisti e poi tra ragazzi scelti da Fubles (il social network dello sport giocato)”.

Ecco invece l’incipit dell’intervista con Buffon: “Qualche tempo fa, sarebbe stato difficile accostare l’aggettivo saggio a Gigi Buffon. Risuona ancora il discorso che ha commosso [sic!] il presidente Napolitano. In tutta altra veste, da giocatore di texas hold’em, ora Gigi dice: ‘Era una grande occasione, potevo star lì a dire le solite cose o sfruttarla’.”.

A corredo degli articoli, le foto dei due impegnati nelle performance griffate dagli sponsor, i cui nomi e marchi vengono citati e ben esposti.

Il resto della pagina viene dedicato a un’inserzione pubblicitaria. Esplicita, almeno quella.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

La Repubblica tradita

di Giovanni Valentini 12€ Acquista
Articolo Precedente

Luttazzi da Fiorello?

next
Articolo Successivo

La Rai: nessuno mi può giudicare

next