Sul versante infomercial, cioè della pubblicità spacciata per informazione, la Gazzetta dello Sport non riposa mai.

Nell’edizione di oggi, la pagina numero 5 ne è un esempio da manuale. In apparenza essa è dedicata alla Juventus, con due interviste rilasciate da Alessandro Del Piero e Gigi Buffon, titolate con dei virgolettati in cui vengono riportate dichiarazioni dei due. Quello che sovrasta l’intervista con Alessandro Del Piero, firmata da G. B. Olivero, ha come titolo: “Restare in panchina mi brucia troppo”. Per quanto riguarda il titolo dell’intervista con Buffon, firmata da Fabio Bianchi, esso recita: “Un po’ più di credibilità/ Così i rivali tremeranno”.

Ma poi basta leggere le prime righe dell’articolo per scoprire che l’informazione c’entra poco. L’intervista con Del Piero viene introdotta da questo passaggio: “Ieri mattina Ale doveva lanciare il nuovo prodotto del suo sponsor tecnico e il programma prevedeva anche una rapida comparsata durante le partite giocate prima tra giornalisti e poi tra ragazzi scelti da Fubles (il social network dello sport giocato)”.

Ecco invece l’incipit dell’intervista con Buffon: “Qualche tempo fa, sarebbe stato difficile accostare l’aggettivo saggio a Gigi Buffon. Risuona ancora il discorso che ha commosso [sic!] il presidente Napolitano. In tutta altra veste, da giocatore di texas hold’em, ora Gigi dice: ‘Era una grande occasione, potevo star lì a dire le solite cose o sfruttarla’.”.

A corredo degli articoli, le foto dei due impegnati nelle performance griffate dagli sponsor, i cui nomi e marchi vengono citati e ben esposti.

Il resto della pagina viene dedicato a un’inserzione pubblicitaria. Esplicita, almeno quella.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

La Repubblica tradita

di Giovanni Valentini 12€ Acquista
Articolo Precedente

Luttazzi da Fiorello?

next
Articolo Successivo

La Rai: nessuno mi può giudicare

next