Questa volta Santa Insolvenza non ha fatto il miracolo. Gli indignati che da venerdì scorso avevano  occupato l’ex cinema Arcobaleno di Piazza Re Enzo sono stati sgomberati da 50 tra poliziotti e carabinieri. Gli occupanti, in tutto circa 200, una volta visto l’arrivo delle forze dell’ordine in assetto anti sommossa, si sono seduti per terra e si sono incordonati alla meglio. Così gli agenti sono stati costretti a trascinarli fuori a forza, uno a uno. Al di là di alcuni momenti di tensione non si registrano per il momento feriti.

Lo sgombero è iniziato alle 6 e 20 ed è finito poco prima delle 7. Mentre venivano portati fuori dal cinema, ciascuno di loro trascinato da due o a volte tre agenti delle forze dell’ordine, gli indignati hanno recitato la preghiera di Santa Insolvenza. “Santa insolvenza, che sei nei nostri pensieri, liberaci dal lavoro precario e dal debito che non abbiamo contratto”, questa una delle strofe della preghiera recitata più e più volte.

Lo sgombero era ormai dato da tutti come certo, dopo il naufragio della trattativa portata avanti nel pomeriggio di ieri. Attorno alle 23 l’ultimo tentativo di tenere aperto il dialogo, con l’assemblea degli occupanti dell’Arcobaleno che stilava un comunicato duro, ma che auspicava un’apertura da parte del Sindaco. “Ci faccia delle proposte concrete e usciremo di qui, per ora non ci ha offerto nulla se non parole e un impegno generico“.

Invece da Palazzo D’Accursio non è arrivata nessuna comunicazione, e dopo una notte insonne le forze dell’ordine sono arrivate come previsto. In mattinata gli indignati decideranno “come reagire a chi ha deciso di chiudere un cinema abbandonato da anni e appena riaperto con il lavoro e le idee di centinaia di persone”. Attualmente è in corso un’assemblea davanti all’ex cinema, a due passi da piazza Maggiore, durante la quale gli indignati decideranno cosa fare.

di Giovanni Stinco

il video è di Giulia Zaccariello

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ferrara, protesta in Comune per l’acqua pubblica. I vigili cacciano i referendari

next
Articolo Successivo

Studenti indignati murano l’ingresso dell’Unicredit in piazza Aldrovandi

next