Era prevedibile ed auspicabile: la nuova ventata fresca per la politica italiana potrebbe ripartire dalla rete.

La prima iniziativa nazionale-locale-popolare è stata lanciata ieri da un gruppo di professionisti, appassionati e sostenitori dello sviluppo di Internet, della libertà di espressione online e di una sana partecipazione alla ricostruzione del nostro sistema di governo, Wikitalia.it. Si tratta di una piattaforma di “open government” aperta a tutti i cittadini e che si ispira ai principi ed al manifesto di www.codeforamerica.org.

L’obiettivo che si pone Wikitalia.it è quello di chiedere alla società civile di collaborare per colmare le grandi lacune in termini di “governance” dell’amministrazione pubblica attraverso un sito dove è possibile mettere a disposizione le proprie forze, anche economiche, attraverso un finanziamento libero, ma soprattutto le proprie competenze in ogni settore chiave del nostro bel Paese. Wikitalia.it  ha anche l’obiettivo di radicarsi a livello locale in tutte le provincie italiane, con la consapevolezza e la convinzione peraltro che il cambiamento possa solo arrivare dal basso, dai cittadini, da noi.

Sono certa che insieme a Wikitalia.it, fioriranno ulteriori nuove iniziative aperte a tutti i cittadini e che alle prossime elezioni del 2013 si apriranno nuovi scenari e finalmente nuove prospettive per una “Buona e Bella Politica” basata sulla trasparenza e su principi etici, parole uscite dal vocabolario di quasi tutti i nostri rappresentanti politici.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tu quoque ilfattoquotidiano.it?

next
Articolo Successivo

Caso Satyricon, Mediaset perde in appello
Niente diffamazione per Travaglio e Luttazzi

next