L’appoggio da parte di associazioni e società civile a Michele Santoro e al suo nuovo programma “Comizi d’amore” si allarga.

Anche Articolo21 sosterrà sul proprio sito il format, che andrà in onda a partire dal prossimo 3 novembre. Ad annunciarlo, in una nota, è stato proprio il direttore dell’associazione Stefano Corradino, che ha detto: “Invitereremo tutti a sottoscrivere la quota di 10 euro per sostenere la trasmissione poiché condividiamo in pieno la riflessione di Santoro oggi su il Fatto Quotidiano secondo cui ‘in un momento di crisi così grave il pubblico vuole sapere e capire’. Pensiamo che ogni nuovo spazio libero e critico di dibattito, inchiesta, approfondimento sia oggi quantomai indispensabile”.

Ma non è tutto: dall’associazione che difende la libertà di informazione arriva anche un’altra idea, per bocca del portavoce Giuseppe Giulietti: “Insieme ai nostri legali vaglieremo la possibilità di chiedere che la Rai rimborsi questa quota a coloro che la verseranno, dal momento che proprio l’azienda di servizio pubblico avrebbe dovuto garantire la messa in onda di Santoro e della sua squadra”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giuliano Estiquaatsi

next
Articolo Successivo

Servizio pubblico o pubblico servizio?

next