Arriva dopo poche ore dall’entusiastico annuncio del patron Sabatini il primo grosso stop per Kobe Bryant a Bologna.

“Con grande stupore Virtus Pallacanestro prende atto che, a causa del parere negativo di alcuni club associati alla Lega Basket, non è possibile procedere con il palinsesto previsto delle 10 partite, mettendo così in forte discussione la piattaforma economica su cui si basa il progetto di portare Kobe Bryant in Italia”.

Il contratto da 3,3milioni di dollari più benefit che la Virtus aveva già posto sotto gli occhi dell’asso dei Lakers e del suo procuratore Pelinka, torna in forte dubbio, proprio a causa del parere contrario della Vanoli Cremona e della Cimberio Varese a non accettare il compromesso offerto da Sabatini.

L’accorpamento e spostamento di qualche data dei match di campionato, già previsti in calendario, in modo da avere i tiri da tre e le penetrazioni di Bryant sui parquet italiani, deve aver fatto drizzare le orecchie a tutte quelle squadre che dall’arrivo di Bryant rischierebbero di finire sotto il rullo compressore di una trentina di punti a partita solo per fare da sparring partner all’impresa di Sabatini.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

L’assessore in carcere si avvale della facoltà di non rispondere

prev
Articolo Successivo

Vignali: “Forse ho scelto persone sbagliate. Bernini? Ottimo assessore”

next