Dopo aver salvato dal carcere Marco Milanese, la Lega annuncia che terrà fede alla volontà della maggioranza e che anche Saverio Romano non sarà sfiduciato. Lo ha detto Roberto Maroni. “E’ una mozione di sfiducia presentata dall’opposizione – ha detto Maroni a proposito del voto in calendario per mercoledì – ne sono state presentate in passato, sono sempre state respinte, non vedo francamente perché non si debba fare la stessa cosa”. Eppure Maroni ha nuovamente elogiato i risultati ottenuti nella lotta contro la mafia. “E’ la nostra iniziativa più importante”, ha detto. Dimenticando che la sfiducia a Romano è dovuta alle accuse di associazione esterna di stampo mafioso che hanno coinvolto il ministro delle politiche agricole su cui pende la richiesta di rinvio a giudizio.

Il titolare del Viminale si allinea dunque alla volontà di Umberto Bossi. Nonostante la base del Carroccio ormai da mesi abbia invitato in ogni modo Maroni a spingere per staccare la spina al governo Berlusconi e lo indichi come successore naturale del Capo, il ministro non accoglie l’invito e torna nei ranghi. Confermando nuova fedeltà a Bossi. “La Lega è un movimento che ha un leader e una linea politica, tutto il resto sono sciocchezze: lo abbiamo dimostrato e continueremo a dimostrarlo, perchè questa è la differenza tra la Lega e gli altri partiti”, ha detto Maroni. “La Lega è sempre compatta, questa è la nostra forza leggo ancora oggi sui giornali stravaganti ricostruzioni, pettegolezzi, analisi dentro la Lega: sono tutte cose inventate”.

Maroni ha ammesso che nel movimento “certo si discute e si esprimono anche opinioni diverse nel dibattito, ma poi si arriva alla sintesi e alle decisioni che tutti seguono”. Una fotografia della situazione all’interno della Lega, che induce il ministro a smentire anche malumori della base. “Io la base la conosco bene: se voi andate a prendere un blog scritto da non si sa chi che dice male del ministro Maroni, bene, ma in questi ultimi vent’anni tanta gente ha scritto male o bene di me, dunque mi lascia del tutto indifferente. La cosa importante è che ci sia una guida, un progetto politico e una strategia che noi seguiamo, questa è la Lega”. Purtroppo però i blog e i forum ufficiale del Carroccio sono chiusi da mesi per i troppi messaggi critici della base.

[youtube width=”620″ height=”480″]http://www.youtube.com/watch?v=NDRxxu7YC-g[/youtube]

Per quanto riguarda i risultati dell’esecutivo, invece, Maroni ha ricordato i successi raggiunti nella lotta alla criminalità organizzata. “E’ l’iniziativa più importante” del governo, ha detto. Il ministro ha ricordato che il giro d’affari della mafia in Italia è “pari a 200 miliardi di euro l’anno” e avvertito che “in un momento di crisi economica come quello attuale è ancora più importante prestare attenzione” alle infiltrazioni mafiose, “perché la struttura economica del Paese è più debole”. Inoltre, ha sostenuto che, nel contrasto alla criminalità organizzata, le “forze di polizia italiane sono portate come best practices nel mondo, anche dall’Fbi e dalla Cia”. Infine, ha tenuto a sottolineare che la “grande alleanza tra tutte le istituzioni, forze dell’ordine, Governo, magistratura, Parlamento e istituzioni locali, è il primo presupposto per vincere la lotta alla criminalità organizzata”. Ma è proprio per l’accusa di associazione esterna di stampo mafioso che il ministro Saverio Romano dovrebbe dimettersi, secondo l’opposizione. A luglio il gip ha chiesto l’imputazione coatta di Romano e la Procura di Palermo ne ha chiesto il rinvio a giudizio. Secondo gli inquirenti  “nella sua veste di esponente politico di spicco avrebbe consapevolmente e fattivamente contribuito al sostegno ed al rafforzamento dell’associazione mafiosa”. Montecitorio si prepara a salvarlo. Lega compresa.

Ma si vede che nel Palazzo il ministro Romano è stimato dalla Casta. Il governo, infatti, ad agosto ha graziato il comune di Belmonte Mezzagno, guidato dallo zio del ministro Romano, Saverio Barrale, dallo scioglimento per infiltrazioni mafiose il Comune in provincia di Palermo. Stessa sorte toccherà dunque al titolare delle politiche agricole mercoledì prossimo. Anche se il ministro non appare così sicuro, tanto che ieri si è spinto a minacciare la maggioranza con un messaggio fin troppo chiaro: “Sono il leader di un partito politico che sostiene il governo; con numeri diversi cambierebbe la maggioranza”. Insomma: se cado io cade tutto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pisanu: “Troppa tensione sociale, serve governo forte. Anche senza Berlusconi”

prev
Articolo Successivo

Romano, l’opposizione attacca Maroni
Bocchino: “La Lega difende i mali del sud”

next