Due uomini sono morti precipitando al suolo intorno alle 19 vicino al Campo Volo di Reggio Emilia, durante un lancio in cui a entrambi non si è aperto il paracadute.

L’incidente è al vaglio dei carabinieri del comando provinciale. I due – secondo le prime informazioni un poliziotto, 32 anni, di Milano e l’altro forse un alpino, comunque amici e appassionati di lanci – si sono schiantati vicino allo scalo da cui si erano alzati in volo, all’altezza di Villa Curta, nella zona di via Pinotti.

Le due vittime sono Mariano Del Medico, 35 anni, della provincia di Torino, residente a Bolzano, in forza al 4/o Reggimento alpino paracadutisti di Verona; e Alessandro Spedicato, 34 anni, poliziotto di Lecce, in servizio alla Squadra Mobile di Milano.

I primi accertamenti sull’incidente capitato ai due amici, considerati esperti, fanno ipotizzare che qualcosa sia andato storto mentre tentavano una figura: alcuni testimoni li avrebbero visti scontrarsi in volo e precipitare senza controllo fino a schiantarsi al suolo.

Il Campovolo di Reggio Emilia è noto per i lanci sportivi con il paracadute e nel fine settimana si anima con gli appassionati che giungono da molte regioni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

A Parma si pensa già alle elezioni. Il Pd lancia la candidatura Bernazzoli

prev
Articolo Successivo

Prodi: “Non abbiamo leader all’altezza (video)
De Gasperi? Oggi farebbe il bibliotecario”

next