Gli avvocati del gruppo SanRaffaele avrebbero chiesto sei settimane per depositare il piano di salvataggio in tribunale. E’ quanto si apprende al termine dell’incontro tenuto con il presidente del tribunale fallimentare Filippo Lamanna e i pm Luigi Orsi e Laura Pedio mentre a rappresentare l’azienda ospedaliera c’erano l’avvocato Franco Gianni e Orlando Barucci dello studio di consulenza Vitale e Associati.

Secondo quanto emerso, sarebbe stata consegnata soltanto una bozza dell’accordo presentato ieri al Cda del San Raffaele, illustrato a voce ai magistrati.

La procura di Milano valuterà quindi se procedere o meno con una richiesta di fallimento del San Raffaele, ritenendo eccessiva la proroga di sei settimane chiesta dal gruppo ospedaliero.

Oggi infatti scadeva l’ultimatum per presentare l’accordo e i Pm si attendevano qualcosa di più di una semplice bozza del piano.

Gli avvocati del gruppo ospedaliero hanno chiesto tempo sino alla fine di ottobre, anziché settembre, per depositare al Tribunale fallimentare e ai Pm il piano attestato, visto che i periti, Angelo Provasoli e Mario Cattaneo, sono in difficoltà nel concludere il lavoro in breve tempo.

Secondo i Pm, il problema non è di merito ma di metodo perché mancano i punti essenziale della bozza di proposta. Inoltre, non si può valutare la proposta visto che manca il “bollo” dell’attestatore.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il boss Antonio Pelle evade dall’ospedale
Era ricoverato per anoressia “autoprocurata”

prev
Articolo Successivo

Il memoriale di B: i legali definirono inopportuno dare denaro a Tarantini

next