L’Italia punta alla Cina nella speranza che Pechino l’aiuti a uscire dalla crisi effettuando “significativi” acquisti di bond e investimenti in società strategiche, quali Enel ed Eni. L’indiscrezione del Financial Times consente all’euro di recuperare terreno e salire a 1,3660 dollari e a Wall Street di chiudere in positivo. Il Dow Jones chiude salendo di 68,99 punti, o lo 0,63%, a 11.060,97 punti. Il Nasdaq avanza di 27,10 punti, o l’1,10%, a 2.495,09 punti. Lo S&P 500 mette a segno un progresso di 8,04 punti, o lo 0,70%, a 1.162,27 punti.

Secondo le indiscrezioni del Financial Times, Lou Jiwei, presidente di China Investment Corp (Cic), uno dei maggiori fondi sovrani al mondo, ha guidato la scorsa settimana una delegazione in Italia per incontrare il ministro delle finanze, Giulio Tremonti, e Cassa Depositi e Prestiti. Le autorità italiane – evidenzia il quotidiano – sono andate a Pechino due settimane fa per incontrare Cic e la State Administration of Foreign Exchange (Safe), che gestisce i 3.200 miliardi di dollari di riserve valutarie estere cinesi. Il direttore generale del Tesoro, Vittorio Grilli, ha incontrato investitori cinesi a Pechino in agosto. “Ulteriori negoziazioni – riporta il Financial Times – avranno luogo presto”.

“La possibilità di un investimento cinese arriva in un momento critico per l’Italia, con i mercati che chiedono rendimenti sempre più alti per acquistarne il debito, che è previsto salire quest’anno al 120% del pil, risultando in Eurolandia secondo solo alla Grecia”, evidenzia il Financial Times.

Tremonti ha scritto molto sui propri timori di una colonizzazione cinese dell’Europa ma “è costretto a cercare nuove alternative” con la crisi del debito e la messa in guardia della Banca Centrale Europea (Bce) sull’acquisto di bond che non puoò continuare in modo indefinito. Gli analisti si mostrano cauti sull’esito delle negoziazioni con la Cina: “Nonostante le numerose espressioni di fiducia di Pechino su Grecia e Portogallo, gli acquisti di bond dei paesi periferici di Euolandia da parte della Cina sono stati limitati”, scrive il secondo il Financial Times. Per il quale “non è chiaro quanto debito italiano sia nella mani cinesi ma la Cina dovrebbe controllare il 4% dei 1.900 miliardi di dollari di debito italiano”.

La Cina è il maggior creditore estero americano, con oltre 1.000 miliardi di dollari di debito statunitense. La crisi ha spinto il governo italiano a “considerare la possibile vendita di partecipazioni startegiche in Enel e Eni. Cassa Depositi e Prestiti ha lanciato in luglio un fondo strategico con un investimento iniziale di 4 miliardi di dollari e che prevede di ampliare a 7 miliardi di dollari con la partecipazione di altri investitori, anche esteri”. Ciò è stato creato nel 2007 con un capitale di 200 miliardi di dollari e asset per 410 miliardi di dollari. Cic ’e’ guidato da interessi puramente economici e finanziari’ ed e’ impegnati ’a elevati standard professionali ed etici nella corporate governace, nella responsabilita’ e nella trasparenza’.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Italia verso la bancarotta nel 2016
Per i mercati c’è una possibilità su tre

prev
Articolo Successivo

Borse nervose, altalena a piazza Affari
Lo spread tocca record 406 punti, poi cala

next