La Casta dei parlamentari italiani, si sa, è piena di privilegi.

Tra gli innumerevoli la possibilità di viaggiare gratis su tutto il territorio nazionale in treno e in aereo. Un privilegio che rimane anche da ex.

Non viaggi gratis dal proprio collegio elettorale a Roma e ritorno (e poi, quale collegio elettorale che il Porcellum li ha eliminati?), oppure in viaggi da giustificare con missioni o iniziative elettorali, nooo, a sbafo dovunque in Italia e tutte le volte che lo ritengono necessario…

Una delle norme sbandierate in pompa magna da Tremonti, Berlusconi e Calderoli è quella contenuta nell’articolo 18 della bozza di decreto: “Voli in classe economica”: “I Parlamentari, gli amministratori pubblici, i dipendenti delle amministrazioni dello Stato…(omissis)…che utilizzano il mezzo di trasporto aereo, volano in classe economica.”

Potete verificare tutti voi sul sito della nostra compagnia di bandiera come ho fatto io: la Business Class sui voli nazionali non esiste.

“Quindi la manovra taglia costi che non esistono, ovvero esistono solo in minima parte perchè l’unica riduzione è per i parlamentari ‘in missione’ al di fuori del territorio italiano (ovvero nei paesi Ue).  Infatti su questa norma non quantificano il risparmio.”

Questa è solo una maniera per prendere per il culo noi cittadini italiani che ci stiamo ribellando contro i privilegi della Casta.

Sarebbe bastato togliere il benefit dei voli e viaggi in treno gratis per le migliaia di “ex” parlamentari, per dare un segno concreto di #bastacasta.

Ma non ci fermeranno, anche per questo è importante la mobilitazione che abbiamo programmato per il 10 e 11 settembre a Roma: facciamo Piazza pulita!

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Miss Padania, a Ponte di Legno
si celebra il gelo tra Bossi e Maroni

next
Articolo Successivo

Trento, Bossi rispolvera
la “secessione” e i “fucili bergamaschi”

next