Avete sentito Berlusconi?: “La Borsa è come un orologio rotto, investite nelle mie aziende“. Uno così sarebbe da mandare via a calci nel c… Conflitto di interessi esplicito e dichiarato! Anzi ostentato.

Ma dalla sinistra non è mai stato risolto. Neanche la legge elettorale “porcata” è stata cambiata o abolita dal governo di sinistra, a suo tempo. Faceva comodo sia il primo che la seconda, anche a sinistra. Anzi per loro il problema era “ben altro”. Quelli che non c’era più Berlusconi, al suo posto c’era: “il principale esponente dello schieramento a noi avverso”, roba da farsi venire un’ernia al cervello.

Quelli che: “quando sento parlare di regime mi viene l’orticaria”; quelli che “facendo così demonizzate l’avversario e gli fate un favore”. E l’altro giorno, visto? Bersani ha dichiarato: “Siamo al regime!”. Benvenuto, solo un po’ in ritardo. Ancora ho le orecchie rosse per le tirate che dal 1995 mi facevano i grandi strateghi alla D’Alema, i professionisti della politica che quando li critichi ti allontanano col piedino tipo: “Ragazzino lasciami lavorare”.

Quelli che negli anni 70, approvata la legge sul divorzio guai a parlare di aborto per non perdere voti e fare un favore valla Dc; quelli che nel 1982 scoprivano che era “finita la spinta propulsiva dei paesi socialisti“. L’avevo capito io, un ignorantello di 20 anni, già nel 1968. Mentre Ignazio Silone e Antonio Gramsci l’avevano capito fin dagli anni 30.

Loro, quando ci arrivano, ci arrivano minimo con 15-20 anni di ritardo. Ancora nel 1956 Togliatti e Ingrao brindavano a vino rosso all’invasione dell’Ungheria, sputtanando Giolitti e Diaz che uscivano dal Pci. Ma loro già avevavo capito.

Infine avete abbattuto il muro del Comunismo nel 1989, solo dopo il crollo di tutti i regimi comunisti e perfino dopo (3 giorni dopo) l’abbatimento di quello reale di Berlino! Siete sempre in ritardo anche oggi. È la sola cosa che avete ereditato dalle vostre radici: la paura di osare di dire la verità. Con l’aggravante che ora non c’è più il cemento ideologico a giustificarvi. Ora ci sono solo le poltrone professionali da difendere. Scopiazzando dalla destra. Non sono tutti uguali? Certo che non sono tutti uguali, ma le stesse negatività della destra viste a sinistra fanno molta più rabbia. Perché dalla sinistra ci si aspetta qualcosa di diverso. Siete in ritardo. Ritardi imperdonabili. Che non saranno perdonati.

A meno che non siate invece in anticipo per qualcosa altro.

Dedicata ai ritardatari:

“Che ore sono?”

“È tardi e più la fai lunga più si fa tardi!”

(Raffaello Baldini).

“Basta. Mi sono stufato

tutti i giorni uguale, non se ne può più!

…voglio farmi crescere i baffi”

(Raffaello Baldini)

Non avete mai letto Raffaello Baldini? Ok, continuate così, facciamoci del male..!

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Linea BN, editori anti e-book. Creano libri su Facebook poi li stampano su carta

next
Articolo Successivo

Ecstasy e ketamina a Sasso Marconi. Agli arresti giovane gang di cinesi

next