GERUSALEMME – La protesta degli indignados israeliani si espande (leggi l’articolo di Joseph Zarlingo). Sabato sera in 150mila si sono dati appuntamento in undici città israeliane. La manifestazioni più grandi sono state a Tel Aviv, Gerusalemme e Beersheva. La protesta cresce tra le tende che i manifestanti hanno piazzato nel centro delle maggiori città israeliane. Gerusalemme è uno dei luoghi più cari al mondo, accusano i manifestanti. Gli studenti affittano piccole stanze a prezzi esorbitanti e le giovani coppie non possono permettersi di acquistare un appartamento. Il primo ministro Netanyahu ha lanciato un piano per la costruzione di 10mila alloggi per studenti in tutto Israele, ma questo non basta ai dimostranti che con i loro slogan chiedono: “Giustizia sociale, non carità”. Di Cosimo Caridi e Andreas Mazzia

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Nitto Palma: “Sul processo lungo tante inesattezze. L’amicizia con Previti? Sono fatti miei”

prev
Articolo Successivo

“E’ la stampa bellezza!” Le fibrillazioni di mister B.

next