Lo speaker della Camera dei Rappresentanti, John Boehner

Come previsto, il piano in due tempi dei repubblicani per l’innalzamento del tetto del debito Usa è passato alla Camera dei Rappresentanti con 218 voti a favore e 210 contrari, ma è stato successivamente bocciato al Senato, controllato dai Democratici, con 59 voti contrari e 41 a favore.

Il presidente Barack Obama si era detto contrario al piano in due tempi presentato da John Boehner ritenendo che avrebbe prolungato l’incertezza per altri sei mesi e arrecato danni probabilmente non solo con il rating creditizio, ma anche con tassi di interesse per i consumatori e le imprese. Ora Washington si prepara a un lungo weekend di dibattito e amara disputa partigiana mentre la più grande economia del mondo è di fronte alla prospettiva di default la prossima settimana.

Il leader della maggioranza democratica al Senato, Harry Reid, è al lavoro su un piano che prevede una nuova ipotesi di compromesso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Breivik e gli ideologi dell’Eurabia

next
Articolo Successivo

Crash Air France 447, per il rapporto fu colpa dei piloti “poco preparati”

next