“E’ una clamorosa menzogna, di cui io sono vittima, la tesi secondo cui la Bicamerale impedì l’approvazione della legge sul conflitto di interessi”. Massimo D’Alema spiega dal suo punto di vista perché la norma non fu mai approvata. Dopo le sue dimissioni da presidente del Consiglio alla fine del 1999, la legislatura dell’Ulivo si chiuse nel 2001 con la legge votata in un solo ramo del Parlamento, quando ormai era chiaro da un po’ che non ci sarebbe stato tempo per farla passare nell’altro. “Il centrosinistra decise di dare la priorità alla riforma federalista – spiega l’ex premier -. L’iter della legge non fu completato. Io non voglio dare la colpa a nessuno, ma io non c’ero più”. D’Alema dimentica però di dire che di quel centrosinistra lui era uno dei leader. E che l’Ulivo, per portare a conclusione l’iter, aveva avuto cinque anni. A partire dal 1996 quando aveva vinto le elezioni

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Beha, nel paese del “gratta e perdi”

next
Articolo Successivo

Il voto su Papa, Ghedini: “Siamo sereni”

next