Sostenere ‘Reggio Tricolore’. Parola di Filippo Berselli. Non è l’intervento conclusivo del coordinatore regionale del Pdl alla festa di Mirabello, ma una lettera in cui promuove l’ associazione di Benedetta Fiorini, giovane consigliera di circoscrizione fresca di nomina nel Dipartimento criticità bancarie e attività consumeristiche guidato da Domenico Scilipoti.

La missiva reca i timbri della Commissione Giustizia presieduta dal senatore Berselli ed è stata inviata per posta agli iscritti del Pdl reggiano. “Ho il piacere di comunicarvi che giovedì 14 luglio alle 18.45 l’associazione culturale Reggio Tricolore, proprio in questi giorni costituita, ha organizzato presso la Libreria all’Arco di via Emilia Santo Stefano la presentazione dell’ultimo libro di Arrigo Petacco ‘O Roma o morte’. Sarà presente lo stesso autore che verrà nell’occasione intervistato da me e dalla dottoressa Fiorini, presidente della predetta associazione”. Conclude Berselli: “Sono quindi certo della vostra partecipazione ad un evento così importante per Reggio che vorrete fin da ora segnare nella vostra agenda tra quelli da non perdere”.

 Il comportamento del coordinatore regionale del Pdl ha destato qualche malumore negli esponenti locali del centrodestra. Non è passato inosservato infatti l’attivo sostegno alla presidente Fiorini, ex cassiera di palestra oggi impiegata della Fineco che ricopre la carica di capogruppo del quartiere ‘Città storica’. Nella vicenda che l’ha vista opporsi allo sfratto del presepe di Giancarlo Beltrami, ottenuto in tribunale dal parroco di San Nicolò Don Franco Ranza alla scadenza del contratto, Berselli, parlando di vicenda paradossale degna di ‘Scherzi a parte’, ha chiesto al Ministro Giancarlo Galan di assoggettare quel presepe alla disciplina dei beni culturali. Nel frattempo il 6 luglio, in occasione della presentazione del libro di Scilipoti ‘Re dei peones’ con prefazione di Silvio Berlusconi, la Fiorini è stata nominata in pompa magna responsabile per Reggio Emilia del Dipartimento ‘Criticità bancarie e attività consumeristiche’ del Pdl.

 Naturalmente è lecito appoggiare le nuove leve della politica. Ma nel caso di ‘Reggio Tricolore’ Berselli, bolognese ex An fra i fedelissimi di Berlusconi, firmatario nel 2008 della norma ‘blocca processi’ accantonata per far posto al Lodo Alfano a sua volta disintegrato dalla Consulta, non ha agito a titolo personale. Le lettere inviate per promuovere la neonata associazione locale che celebra l’Unità d’Italia sono griffate dalla Commissione Giustizia del Senato. Non è dato sapere quanto lo spot fuori tema sia costato ai contribuenti: nella provincia di Reggio Emilia sono circa un migliaio i tesserati del Pdl.

Nessuno si espone pubblicamente, forse per non turbare la kermesse nazionale che si sta chiudendo su quel palco di Mirabello dove l’anno scorso Gianfranco Fini, vinto il braccio di ferro sulla paternità della festa Tricolore con gli allora triumviri Pdl Verdini, Scajola e Bondi, diede vita a Futuro e Libertà. Il dibattito fra Berselli, il senatore ferrarese Alberto Balboni e il sottosegretario per i rapporti col Parlamento Laura Ravetto farà a meno dell’intervento telefonico di Berlusconi. La sorpresa arriva dalla promozione epistolare ‘sui generis’ della Commissione Giustizia. E non siamo su scherzi a parte.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Haber: “La mia carriera rovinata da un bacio. Con Bologna ho chiuso, aspetto le scuse”

prev
Articolo Successivo

Piacenza, il Pdl fa le primarie
Il Pd prefersice evitarle

next