Trafficanti di uomini di origine afghana, pachistana e indiana facevano arrivare clandestinamente in Italia migliaia di migranti (soprattutto pachistani, iracheni e afghani) per poi trasferirli in altri paesi europei, specie in Germania, Svizzera, Danimarca, Austria, Francia e Belgio. La Polizia li ha arrestati questa mattina all’alba con operazioni in tutta Italia. Le indagini, avviate a maggio del 2010 in seguito al consistente aumento dei flussi migratori, sono state condotte dal Servizio centrale operativo (Sco) e dalle squadre mobili di Lecce, Bologna e Ravenna, sotto il coordinamento della Direzione nazionale antimafia e dalle procure di Bologna e Lecce.

Accusati di associazione a delinquere finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, decine di persone sono state tratte in arresto in Lombardia, Emilia Romagna, Puglia, Abruzzo, Lazio e Calabria. L’inchiesta ha consentito di ricostruire l’organigramma dell’organizzazione: un vertice operativo in Grecia e in Turchia e diverse cellule presenti nel nostro paese, a Roma, Milano, Cremona, Bologna, Bergamo, Brescia, Teramo, Ascoli e Bari.

I migranti che l’organizzazione sgominata dalla polizia faceva arrivare clandestinamente in Italia, erano “in costante pericolo di vita” – come hanno accertato gli investigatori – per le modalità con cui avvenivano i viaggi, sia quelli verso l’Italia che quelli dal nostro paese verso gli altri paesi europei. I trafficanti utilizzavano infatti sia piccole imbarcazioni che puntavano sulle coste pugliesi, sia le navi di linea dirette ai porti sull’Adriatico.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Provincia di Milano, concorso con il trucco
Lo scandalo del dg per l’agenzia del Lavoro

next
Articolo Successivo

Inchiesta P4, Papa attacca i suoi ex colleghi
“Perseguitato da una fazione napoletana”

next