L’agenzia internazionale Moody’s ha tagliato di quattro note il rating sovrano a lungo termine del Portogallo, portandolo a livello ‘junk’ (spazzatura). L’outlook è negativo, cioè Moody’s non esclude altri tagli. Il rating passa dal livello ‘Baa1’ a ‘Ba2’. Secondo l’agenzia il rischio principale è che il Paese avrà bisogno di una seconda serie di aiuti prima di tornare a finanziarsi sui mercati.

La bocciatura decisa da Moody’s porta Lisbona al di sotto del livello di ‘investment grade’ alla luce del “crescente rischio che il Portogallo chieda un secondo round di finanziamenti internazionali prima che possa tornare sul mercato privato – si legge nella nota dell’agenzia di rating – e dell’aumento delle possibilità che venga chiesta come pre-condizione la partecipazione del settore privato”. Moody’s mette anche in evidenza “il timore che il Portogallo non riuscirà a centrare pienamente gli obiettivi di riduzione del deficit e di stabilizzazione del debito fissati nel quadro dell’accordo con Unione europea e Fondo monetario internazionale”, tenuto conto delle “straordinarie sfide che il Paese sta affrontando nel ridurre la spesa, tornare alla crescita economica e supportare il sistema finanziario”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ex Birmania, il potere in mani “civili”
ma la repressione resta in cima alle priorità

prev
Articolo Successivo

Strauss-Kahn verso l’archiviazione
La cameriera fa causa al NY Post

next