È una sconfitta di tutti gli “apocalittici” nel mondo. La Corte suprema degli Stati Uniti ha bocciato una legge della California che vietava la vendita o il noleggio di videogame violenti ai minorenni, giudicandola lesiva del diritto alla libertà di espressione sancito dalla Costituzione (la Corte si è espressa con sette voti favorevoli e due contrari). La legge sui videogiochi, approvata dalla California nel 2005 e fortemente voluta dall’allora governatore Arnold Schwarzenegger, era stata subito impugnata da editori, distributori e venditori (protagonisti di un mercato da 10,5 miliardi di dollari).

Nella legge si definiva “violento” qualunque videogioco che mettesse in scena “uccisioni, mutilazioni, smembramenti o aggressioni sessuali contro un’immagine dalle sembianze umane”, e prevedeva multe per venditori e noleggiatori. Nella sentenza, la Corte è andata anche oltre il divieto e ha accolto la tesi secondo cui anche i videogame sono veicoli di messaggi e idee sociali, che ricadono quindi sotto la tutela del Primo emendamento. “Il governo non ha il potere di limitare le idee alle quali i minori possono essere esposti” ha dichiarato il giudice Antonin Scalia. Rappresenta bene le posizioni oscurantiste, invece, il senatore californiano Leland Yee, autore della legge: “L’industria dei videgame continuerà a fare miliardi di dollari a spese della salute mentale dei nostri ragazzi e della sicurezza della comunità”.

Il senatore forse, non ha mai letto Tutto quello che fa male ti fa bene di Johnson Steven, testo fondamentale della cultura contemporanea che spiega come i videogame sviluppino capacità di analisi, di indagini per supposizione (non è questo il metodo scientifico?), e di telescoping: puntare a un obiettivo organizzando le priorità. E sicuramente, il senatore , come molti soloni che in Italia non mancano, non ha mai provato sul campo quanto possa essere divertente giocare a Grand Theft Auto.

Il Fatto Quotidiano, 30 giugno 2011

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Un referendum per abbattere il Porcellum” Società civile e Web lanciano raccolta firme

next
Articolo Successivo

Debiti, per ritornare finalmente a vivere

next