La moschea di Milano va fatta? Certo, costruirla è un segno di civiltà. Parola di Paolo Portoghesi. L’architetto che ha firmato la moschea più grande d’Europa, quella di Roma, parla dei luoghi di preghiera dell’Islam. Non soltanto architettura: Portoghesi spazia dalla libertà di religione al valore simbolico che gli edifici di culto hanno nelle moderne democrazie occidentali. E sfata qualche mito, come quello secondo il quale non ci sarebbero chiese cristiane nei paesi musulmani. Poi fa qualche esempio, come quello di Strasburgo, la città nella quale ha appena costruito una grande moschea che sarà inaugurata fra poche settimane: lì è stato scelto un luogo ben visibile a tutti, perché è un onore per la città. Insomma, qualche consiglio utile a Pisapia che vuol costruire la moschea a Milano. Dalla sistemazione (non in periferia) alla forma architettonica (deve rispettare la tradizione della città ed essere una “moschea milanese”). Aggiungendo: deve esser bandito un concorso. Al quale lo stesso Portoghesi vorrebbe partecipare.

E poi, sempre sul nuovo numero di “Saturno” in edicola venerdì 17 giugno, due pagine dedicate alle “spie”: come sono questi agenti segreti raccontati dalla letteratura e dal cinema? Dobbiamo aspettarci affascinanti uomini, intelligenti e aitanti, alla James Bond, oppure nella realtà sono più simili al protagonista un po’ grigio e triste del film Le vite degli altri? Dalla guerra fredda in poi, il vero volto delle spie ai giorni nostri, negli articoli di Marco Filoni, Emilio Gentile, Raffaele Liucci e Mauro Novelli.

Ma le traduzioni di Nanda Pivano sono davvero ben fatte? Un’inchiesta di Antonio Armano.

Daniele Perra ci racconta lo spazio milanese d’arte dell’Hangar Bicocca: un fallimento?

E ancora: la parola di Alessandro Bergonzoni

La rubrica di Michela Murgia.

Simone Verde ci spiega il mercato dell’arte francese: deve esser esentasse oppure avere dazi ridottissimi?

Il teatro di Camilla Tagliabue.

Il film Venere nera recensito da Gianni Canova

E, infine, a chi toccherà questa settimana la puntura della Vespa di Riccardo Chiaberge?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sandro Veronesi si illumina di Walter

next
Articolo Successivo

L’asinologo: nasce una nuova forma di studioso

next