“La Santanché è carina anche quando dice cose inutili”. Cosi parlò Celentano, dopo uno dei soliti interventi non solo inutili ma falsi e, come spesso avviene, fastidiosi della signora Santanché.

A me Adriano piace molto e molte delle sue canzoni sono nel mio Ipod, da 24mila baci a quelle più recenti come Hai bucato la mia vita. E penso che stia benissimo con il buon vecchio Frank, Miss Aretha Franklin e Chet Baker.

Però mi DISpiace quando mente e lo fa con tanta nonchalance. Perché dire alla signora Santanché che è carina è una chiara bugia che persino lei, reagendo con fare incerto, ha pensato di aver colto. Ma siccome è solita prendere fischi per fiaschi, ha deciso di ringraziare fingendosi lusingata, con un sorriso a mezza bocca (non fate battute cattive!!!) anche se il piccolo diavoletto sulla sua spalla, con la fisionomia di Capezzone, le diceva “è una bugia, è una bugia“.

Ora, caro Adriano, tu dimostri che chi “pratica lo zoppo impara a zoppicare” perché da quando hai simpatie comuniste e te la fai con ladri d’auto un po’ sovversivi e violenti, anche se dichiarati assolutamente innocenti (dopo aver persino rifiutato l’amnistia!!!), hai preso gusto alle bugie.

Mi dispiace molto. Per consolarmi mi sparerò a palla le canzoni di Gianni Morandi. Ops… un altro comunista…. ma che paese é l’Italia? Fra ladri, sostenitori di Hamas e puzzoni che hanno litigato con l’acqua, bisogna essere quotidianamente grati dell’esistenza della signora Santanché. God bless Daniela.

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ruby insegnante di lingue

next
Articolo Successivo

Formigoni Supergiovane

next