Il 21 aprile il centro di accoglienza campano di Santa Maria Capua Vetere è stato trasformato in un centro di identificazione ed espulsione. Il 26 aprile, presi dal panico, gli immigrati tunisini hanno cercato di scappare. In sessanta ci sono riusciti, quelli che non ce l’hanno fatta raccontano condizioni di detenzione durissime  di Lorenzo Galeazzi  per commentare clicca qui

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Le dichiarazioni spontanee
del ministro Romano al Tg1

next
Articolo Successivo

La Brambilla scappa davanti alle telecamere del Fatto

next